Cronaca | News

Scuola: chi deciderà i rientri in aula

30 Novembre 2020
Scuola: chi deciderà i rientri in aula

Il Governo pensa a una cabina di regia coordinata dal prefetto.

Un organo dedicato alla gestione del ritorno a scuola dei liceali. Ne sarà responsabile la Prefettura, che dovrà mettere intorno a un tavolo tutti i soggetti coinvolti: presidi, sindaci, aziende del trasporto locale e, probabilmente, anche aziende sanitarie.

La notizia proviene dall’agenzia di stampa Adnkronos, che l’avrebbe a sua volta ricevuta da fonti autorevoli del Governo. Sulla necessità di un presidio che curi l’organizzazione del ritorno in classe sarebbero d’accordo le ministre della Scuola Lucia Azzolina, dell’Interno Luciana Lamorgese e dei Trasporti Paola De Micheli.

La cabina di regia, sotto il coordinamento dei prefetti, dovrà occuparsi di tutti gli aspetti della logistica, in modo da assicurare che il rientro si svolga in sicurezza, dai mezzi pubblici fino alle aule e al ritorno a casa. Sarà presente anche nelle regioni gialle, dove il virus sta correndo più lentamente.

Quella di assicurare entrambi i diritti, allo studio e alla salute, è stato un tema cruciale posto oggi da Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi (Anp), al convegno nazionale «Anp festival della scuola complessità e prospettive al tempo del Coronavirus».

«Sono stati e tuttora sono mesi difficili per il nostro Paese e per la scuola e ancora non siamo usciti dall’emergenza – ha dichiarato Giannelli -. Lo sforzo fatto dal mondo della scuola ritengo sia stato eccezionale ma da soli non ce la possiamo fare. Vogliamo tornare a scuola ma per farlo, e soprattutto per farlo in sicurezza e a lungo, ci sono delle condizioni che devono essere rispettate».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube