Diritto e Fisco | Articoli

Il cyber racket dell’estorsione online: il virus che ti chiede soldi

29 Dicembre 2013
Il cyber racket dell’estorsione online: il virus che ti chiede soldi

Si chiama Cryptolocker: il virus entra nel tuo pc, lo blocca e poi ti chiede una somma di denaro per il riscatto: ecco come difendersi. 

 

“Se stai leggendo questo testo, significa che tutti i tuoi file sono stati bloccati”. È questo il messaggio che appare sul pc del malcapitato utente infetto da “Cryptolocker”, il virus che sta facendo il giro del mondo e che, di recente, è sbarcato anche in Italia. L’accesso a tutti i file (word, fogli di calcolo, immagini, programmi, ecc.) risulta impedito e in ogni cartella compare solo un testo in cui si spiega come sbloccare il computer: pagare un riscatto di 200 euro circa. Dopo aver versato la somma, il criminale informatico provvede a sbloccare, in remoto, il pc della vittima.

Una corsa contro il tempo: il pirata informatico stabilisce una deadline, un tempo di scadenza entro cui pagare il riscatto. Se entro il giorno e l’ora indicata non avviene alcun versamento, il computer è ormai irrimediabilmente compromesso.

Cryptolocker è un ransomware, ossia un malware [1]: esegue una cifratura dei file, che possono essere sbloccati solo attraverso una chiave crittografica.

La minaccia informatica si sta diffondendo a macchia d’olio. In Italia i dati ufficiali degli utenti infetti non ricalcano quelli effettivi: la gente, piuttosto che rischiare la completa perdita dei dati, preferisce pagare subito senza informare le autorità. La denuncia non viene vista come una soluzione, per via delle lungaggini burocratiche e dello scetticismo nella capacità, da parte delle Forze dell’Ordine, di risolvere il problema. Così non si ha contezza di quanto sia davvero diffuso il virus nel nostro Paese. Certo è che, nel resto del mondo, Crypyolocker è diventato un serio problema per tutti gli utenti, piccoli e grandi. In Inghilterra sono migliaia le persone che hanno subito questo tipo di “infezione”.

Di virus simili negli ultimi tempi se ne sono visti parecchi, ma agivano in maniera differente: spesso utilizzavano loghi e strutture di enti pubblici. Famosi quelli “Polizia di Stato“, “Guardia di Finanza“, “Polizia Postale” e altri che contestavano un reato informatico alla vittima, bloccando l’accesso al computer e promettendo lo sblocco attraverso il pagamento di una sanzione amministrativa (in realtà una truffa).

Come difendersi

È importante dotare il proprio computer di un anti-malware aggiornato. Esso consente di rilevare subito l’infezione prima che contagi tutti i files.

Inoltre, è fondamentale eseguire regolarmente il backup di tutti i dati (eventualmente trasportandoli su uno o più hard disk esterni), in modo da non aver “nulla da perdere” in caso di mancato pagamento del riscatto e poter poi, con tranquillità, riformattare il computer.

È sempre bene informare immediatamente la Polizia postale per consentire il tracciamento dell’eventuale transazione. Se si denuncia subito, si consente alle forze di polizia di risalire all’origine dell’estorsione e impedire ulteriori infezioni.

Per difendersi in modo completo è importante conoscere le fonti da cui può provenire il virus in questione.

In generale, ogni virus si introduce nel pc dell’utente come un allegato all’interno di un’email o attraverso il download di un file scaricato da client peer-to-peer (come Emule e Torrent).

È sempre mascherato da contenuto diverso (ad esempio software innocui, Pdf, file di Word) in modo che l’utente lo lanci senza rendersene conto.

Evitate, perciò, di aprire allegati sospetti.


note

[1] È un software progettato per creare danni a un computer. Il nome deriva dalla contrazione di “malicious” e “software” che significa, appunto, “programma malvagio”. Alcune tipologie di malware molto conosciute sono virus, cavalli di Troia, worm, spyware.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube