Divieto di sosta: quando scatta la multa nel lockdown

1 Dicembre 2020 | Autore:
Divieto di sosta: quando scatta la multa nel lockdown

Chi non sposta l’auto in caso di lavori stradali segnalati 48 ore prima rischia una sanzione e la rimozione forzata del veicolo. Ecco come evitarle.

Chi ha l’auto parcheggiata sotto casa ma non la utilizza per via del lockdown imposto dall’emergenza Covid, farà bene a scendere ogni tanto per controllare se il Comune ha deciso di fare dei lavori sulla strada. Altrimenti, rischia la multa per divieto di sosta, con il conseguente intervento del carro attrezzi. È già successo in qualche città e non c’è stato modo di venire a patti: la sanzione va pagata.

Le amministrazioni comunali, infatti, non hanno sospeso i lavori di manutenzione delle strade o dei marciapiedi. Quindi, nel momento in cui una determinata zona deve essere asfaltata o sistemata, la Polizia locale mette un cartello 48 ore prima dei lavori per avvisare i cittadini dell’imminente intervento. Se gli automobilisti, che sono chiusi in casa per il lockdown o che si muovono soltanto a piedi, non verificano la presenza di tale cartello e lasciano la macchina parcheggiata nel punto interessato ai lavori, scattano la multa di 42 euro e la rimozione forzata. Il che vuol dire pagare anche quanto dovuto per riavere il veicolo, cioè le spese del carro attrezzi e del deposito.

Sul lato pratico, quindi, l’automobilista che non esce di casa per l’emergenza Covid dovrebbe scendere ogni due giorni per controllare se, per caso, la Polizia ha messo il cartello che avvisa dei lavori stradali 48 ore prima della loro esecuzione, come stabilito dal Codice della strada. Sempre che l’auto sia parcheggiata proprio sotto casa e non in un punto lontano dall’abitazione. In questo caso, bisognerebbe andare a controllare se c’è il cartello muniti di autocertificazione che dimostri lo spostamento per «comprovata necessità». Altrimenti, per non pagare una multa se ne rischia un’altra.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube