Cartelle esattoriali: al via la nuova rateazione

1 Dicembre 2020 | Autore:
Cartelle esattoriali: al via la nuova rateazione

Il decreto Ristori 4 introduce alcune novità a vantaggio di chi ha un debito con il Fisco. Ammessi anche i decaduti prima dell’8 marzo.

È possibile presentare domanda fino al 31 dicembre 2021 per aderire al nuovo piano di rateazione delle cartelle esattoriali anche di chi è decaduto da precedenti dilazioni prima dell’8 marzo senza essere tenuti al pagamento delle rate scadute. Saranno ammessi anche i contribuenti decaduti al 2019 dalle prime due rottamazioni.

Chi avanzerà entro il 31 dicembre 2021 l’istanza di rateazione per debiti inferiori a 100mila euro non dovrà allegare alcuna documentazione sul proprio stato di difficoltà. La decadenza del piano scatterà dopo il mancato pagamento di 10 rate, anche non consecutive.

I contribuenti che hanno un debito con il Fisco, inoltre, possono fruire di altri benefici introdotti dal decreto Ristori 4. Ad esempio, per le domande presentate dopo l’entrata in vigore del decreto e fino al 31 dicembre 2021, occorrerà allegare la documentazione sul proprio stato di difficoltà solo per i debiti superiori a 100mila euro e non sopra i 60mila, come richiesto finora. Il contribuente che ha una cartella per importo inferiore a quella soglia, avrà quindi la possibilità di scegliere la durata del piano di rientro che più gli fa comodo, entro un massimo di 72 rate mensili.

Come detto – e questo è un altro vantaggio introdotto dal Ristori 4 – la decadenza del piano scatta dopo il mancato pagamento di 10 rate e non di 5. Va ricordato, infatti, che era consentito arrivare fino a 10 rate solo per le domande presentate entro la fine del 2020 e non, come stabilito ora del decreto, fino alla fine del 2021.

Come detto, chi prima dell’8 marzo aveva visto decadere il proprio piano di dilazione potrà presentare domanda per aderire alla nuova rateazione, sempre entro il 31 dicembre 2021. Sono ammessi anche i contribuenti decaduti dalle prime due rottamazioni al 31 dicembre 2019, anche se in questo caso non è stato indicato un termine per la presentazione della domanda.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube