Tech | News

Wi-fi pubblico gratis, allarme sulla privacy

1 Dicembre 2020
Wi-fi pubblico gratis, allarme sulla privacy

La connessione a Internet libera e gratuita nei luoghi pubblici tenga conto della tutela della riservatezza degli utenti. Lo chiede il Garante della privacy.

Sì al wi-fi pubblico gratuito, ma con un occhio di riguardo per la privacy di chi naviga. L’Autorità garante per la protezione dei dati personali insiste sulla necessità di tutelare gli utenti.

Il Garante della privacy ha appena espresso il suo parere sulla bozza di linee guida sul wi-fi pubblico compilate dall’Agenzia per l’Italia digitale (Agid). Chiede di limitare allo stretto indispensabile il tracciamento degli utenti da parte delle pubbliche amministrazioni che mettono a disposizione il servizio.

La raccolta di dati deve essere in linea con le normative sulla privacy, il Codice italiano e il recente regolamento europeo. Questo vuol dire che i dati raccolti devono essere minimi – il regolamento europeo parla a questo proposito di principio di minimizzazione – e conservati solo per il tempo strettamente necessario, informando l’utente.

Agid, infatti, nelle sue linee guida per le pubbliche amministrazioni, prescrive di identificare gli utenti, così da poterli rintracciare agevolmente in caso di comportamenti illeciti. Il Garante raccomanda che l’identificazione avvenga solo a posteriori, una volta verificatasi l’eventuale condotta illecita, in modo da garantire la sicurezza dell’ente da accessi alle sue reti interne e anche la riservatezza degli utenti che fanno un uso corretto della connessione.

Le amministrazioni, infatti, come precisato dal Garante, non sono autorizzate a conservare dati di traffico telematico. L’Agid, quindi, nelle sue linee guida alle PA, dovrà specificare che si possono richiedere solo i dati indispensabili per accedere al servizio o quelli per l’identificazione a posteriori, in caso di illeciti.

Sempre a protezione della privacy, non si potrà consentire il trattamento dei dati riguardanti i dispositivi con i quali gli utenti si connettono, a fini di tracciamento della loro posizione geografica o dei loro spostamenti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube