Cronaca | News

Scuola: Conte vuole riaprire prima di Natale

1 Dicembre 2020
Scuola: Conte vuole riaprire prima di Natale

Il presidente del Consiglio ritiene che far tornare i liceali in classe entro la fine dell’anno sarebbe «un bel segnale».

Dal 7 gennaio al 14 dicembre: potrebbe essere anticipato di tre settimane il rientro a scuola per i ragazzi delle superiori. Almeno così vorrebbe il premier Giuseppe Conte.

Sarebbe stato lui ad avanzare l’ipotesi di un ritorno in classe il 14 dicembre, per gli studenti di licei e istituti tecnici, durante il vertice con i capigruppo di maggioranza, alla presenza del ministro della Salute Roberto Speranza e del ministro per i Rapporti col Parlamento Federico D’Incà. Lo riporta l’agenzia di stampa Adnkronos, che lo avrebbe a sua volta saputo da fonti che erano presenti alla riunione.

Un tema parecchio divisivo per il Governo, quello della data del rientro a scuola per gli alunni delle superiori di secondo grado. Tant’è che si cambia spesso idea, anche se il tempo per prendere una decisione stringe, dal momento che il 3 dicembre scade il Dpcm attualmente in vigore e l’Esecutivo sta lavorando al nuovo testo comprendente le misure anti-Covid per Natale.

I presenti non avrebbero accolto con molta convinzione la proposta di Conte. Molti i dubbi sollevati sulla vicinanza della data del 14 dicembre alle vacanze di Natale: gli studenti delle superiori tornerebbero alle lezioni in presenza per meno di dieci giorni, dopodiché dovrebbero comunque fermarsi per le festività.

Vale la pena, proprio adesso che la curva sta scendendo, affollare mezzi pubblici e creare un movimento di persone che potrebbe aumentare i contagi? Per il premier sarebbe «un bel segnale per i ragazzi». Andrebbe comunque sentito il Comitato tecnico scientifico (Cts), ha poi aggiunto Conte. Che però, intanto, ha sondato il terreno.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Ora, io sono sempre stata per la riapertura delle scuole, ma il fatto di riaprire il 14 dicembre per pochi giorni mi sembra una vera barzelletta. Che senso ha? La didattica a distanza per i piccolini è sicuramente difficile e anche per noi genitori che dobbiamo stargli vicino per aiutarli a seguire con attenzione. Ma non è che gli cambia tanto andare solo per una settimana o dieci giorni a scuola adesso.

  2. Beh, io direi che invece di sollevare questioni inutili e discussioni facessero uscire questo decreto e ci dessero indicazioni chiare al più presto. Dobbiamo organizzarci e vedere cosa fare se effettivamente riaprono le scuole

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube