Diritto e Fisco | Articoli

Se il padre è agiato può versare anche l’80% delle spese straordinarie

30 dicembre 2013


Se il padre è agiato può versare anche l’80% delle spese straordinarie

> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 dicembre 2013



Nell’importo dell’assegno di mantenimento influiscono la condizione, le abitudini del figlio e il reddito del genitore obbligato: per cui se lo stesso è agiato può essere obbligato a versare anche l’80% delle spese straordinarie.

Come già spiegato in un precedente articolo (“Quali spese per i figli rientrano nell’assegno di mantenimento?”) nell’importo dell’assegno di mantenimento da versare in favore dei figli sono comprese tutte le spese ordinarie cioè tutti quei costi che riguardano le esigenze quotidiane della prole.

Al contrario, le spese straordinarie sono quelle non comprese nell’importo dell’assegno di mantenimento, hanno il carattere dell’imprevedibilità e dell’urgenza e devono essere versate nella misura del 50% ciascuno, da entrambi i genitori.

Accade spesso, però, che tra i genitori vi sia una notevole disparità delle rispettive condizioni patrimoniali. Ciò potrebbe comportare che il coniuge più agiato sia tenuto – rispetto all’ex – a una maggiore contribuzione in favore del figlio, fino al punto di dover versare anche l’80% delle spese straordinarie.

Così è stato recentemente stabilito da una sentenza della Cassazione [1]. Secondo la Suprema Corte, il padre agiato, se ha beni immobili, partecipazioni societarie ed è anche amministratore di società, deve contribuire maggiormente al mantenimento del figlio e provvedere nella misura dell’80% alle spese straordinarie.

In casi come questi, ciò che bisogna valutare sono le esigenze del bambino che non comprendono solo l’obbligo alimentare, ma anche altri bisogni estesi all’aspetto abitativo, scolastico, sportivo, sanitario, sociale.

Vanno altresì valutate le legittime aspirazioni del minore e, in genere, le sue prospettive di vita, che risentono del livello economico-sociale in cui si colloca la figura del genitore.

Il genitore obbligato a versare l’assegno di mantenimento in favore del figlio, se è particolarmente ricco deve contribuire alla corresponsione delle spese straordinarie anche nella misura dell’80%. Questo però non vale sempre, ma solo quando tra gli ex coniugi vi sia una notevole disparità delle condizioni patrimoniali.

In situazioni normali, i genitori devono partecipare alla corresponsione delle spese straordinarie per i figli nella misura del 50%.

note

[1] Cass.sent. n 21273 del 18.09.2013.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI