Diritto e Fisco | Articoli

Quanto costa rifare tutti i documenti?

26 Febbraio 2021
Quanto costa rifare tutti i documenti?

Richiedere i documenti personali: quanto costa duplicare la carta di identità, la tessera sanitaria, la patente e il passaporto. Gli uffici preposti al rilascio. 

Uno degli aforismi più celebri di Theodor W. Adorno tira in ballo il tempo e il denaro, tant’è che, se è vero che questi due valori coincidono, allora dovrebbe essere naturale risparmiare tempo, soprattutto se si tratta del proprio. Nella vita, però, gli imprevisti possono celarsi proprio dietro l’angolo e quando si ha la sfortuna di incrociarli, il tempo e il denaro vanno via assieme. È il caso, per esempio, di quello che accade quando vengono smarriti i documenti personali. In situazioni del genere, bisogna rapportarsi, a seconda del documento, con il Comune, oppure con l’Agenzia delle Entrate, ma anche con la Questura e il ministero dei Trasporti. Un ginepraio burocratico che, oltre al tempo, porta via anche un bel po’ di soldi.

Ma quanto costa rifare tutti i documenti? Lo vediamo in questo articolo, all’interno del quale analizziamo come rinnovare i documenti personali e cioè la carta d’identità, la tessera sanitaria, la patente e il passaporto. Si tratta, quindi, di documenti di riconoscimento che usiamo anche con una certa frequenza, alcuni più importanti di altri. Può capitare, allora, di usarli troppo e logorarli, di adoperarli poco e quindi dimenticarli da qualche parte. Se ti riconosci anche solo in uno di questi comportamenti, probabilmente hai bisogno di rifare un documento e ti sarai chiesto quanto ti verrà a costare il duplicato. Leggendo l’articolo, troverai la risposta a tutte le tue domande.

Casi in cui occorre rifare i documenti

Durante uno dei suoi viaggi di lavoro, Tizio si accorge di aver perso il portafoglio con, all’interno, tutti i documenti: carta d’identità, patente, tessera sanitaria e passaporto. Quanto gli costerà richiedere e ottenere i duplicati di tutti i documenti di riconoscimento?

La scena appena descritta potrebbe essere capitata a molti e, in qualunque caso, la reazione di panico è quasi la medesima, giustificata dalla preoccupazione di dover avere a che fare con i marchingegni burocratici. Ma non solo. Perché a preoccuparci in caso di smarrimento, è anche il costo da sostenere per dover rifare uno o più documenti.

Lo smarrimento, così come il furto, però, non sono le uniche evenienze che potrebbero obbligare a rifare tutti i documenti. Siamo chiamati a fare la stessa cosa anche in caso di scadenza o logoramento. Quante volte, infatti, nella fretta di riporre un qualsiasi documento, si provocano lesioni o curvature tali da renderlo illeggibile?

Rifare il documento di identità: quanto costa?

Sebbene la nascita della carta d’identità elettronica (cie) sia stata lunga e travagliata, a partire dal 2016 è iniziato il processo di sostituzione delle vecchie carte d’identità cartacee.

La cie, oltre a essere un normale documento d’identità, permette di:

  • richiedere un’identità digitale Spid direttamente dal pc di casa;
  • accedere ai servizi online erogati dalla pubblica amministrazione.

Per rifare la carta d’identità, bisogna rivolgersi all’ufficio anagrafe del Comune di nascita. A prescindere dal motivo per il quale viene richiesta la cie, tutte le carte d’identità cartacee devono essere obbligatoriamente sostituite con il nuovo modello plastificato.

Se Tizio ha ancora il vecchio modello di carta d’identità e questa scade nel 2019, dopo questo termine dovrà necessariamente sostituirla con la carta d’identità elettronica.

Siamo dunque in presenza di uno di quei casi in cui la scadenza, insieme allo smarrimento e al furto, obbliga il proprietario a rifare il documento.

Mentre, in passato, rifare la carta d’identità cartacea costava quasi 6 euro, la nuova cie ha un costo decisamente più sostenuto:

  • 16,79 € come rimborso delle spese che lo Stato deve sostenere per l’emissione e la spedizione della tessera plastificata;
  • 5,41 € che spettano al Comune come spese di segreteria.

Questo significa che il rinnovo della carta d’identità costa, in totale, 22,20 euro.

Rifare la tessera sanitaria: quanto costa?

La tessera sanitaria è un documento fondamentale perché, oltre ad attestare il diritto al trattamento sanitario nazionale, consente anche di scaricare le tasse per l’acquisto di farmaci o il sostenimento di spese mediche e/o veterinarie.

A differenza della carta d’identità, che si può rinnovare a partire dal giorno successivo a quello di scadenza, quando la tessera sanitaria scade, lo Stato provvede automaticamente a spedirne una nuova copia, senza che il proprietario presenti istanza di rinnovo.

Viceversa, in caso di smarrimento o furto, il proprietario della tessera sanitaria deve richiedere un duplicato. Per farlo, può avvalersi direttamente del sito dell’Agenzia delle Entrate, da cui si può accedere al servizio dedicato al rinnovo.

In tal caso, il richiedente può scegliere se compilare la scheda in base:

  • al codice fiscale;
  • ai dati anagrafici.

Qualunque sia la scelta, va sempre inserito l’indirizzo di residenza al quale ricevere la nuova tessera sanitaria. Il servizio è interamente gratuito, compresa la spedizione.

Rifare la patente: quanto costa?

L’iter da seguire in caso di rinnovo della patente è più complesso rispetto a quello visto per la cie e la tessera sanitaria. Infatti, prima di ogni altra cosa, dal momento in cui un individuo si accorge di aver smarrito la patente, ha 48 ore di tempo per sporgere regolare denuncia alla Polizia, che fornirà un permesso provvisorio di guida.

Nel frattempo, il commissariato verificherà che la patente sia:

  • duplicabile;
  • non duplicabile.

Nel primo caso, chi ha smarrito la patente deve fornire due foto in formato tessera e pagare 10,20 € per costi di rinnovo e spedizione direttamente all’ufficio di Polizia presso il quale si è recato.

Questo, inoltrerà la domanda al Ministero dei trasporti, che provvederà, entro 45 giorni, a spedire la nuova patente direttamente all’indirizzo di residenza del richiedente. Quando la consegna avrà luogo, il richiedente dovrà pagare altre 6 € di spese postali al postino incaricato della consegna.

Se, invece, la patente risulta non duplicabile, il richiedente deve inoltrare la richiesta all’Ufficio di Motorizzazione civile allegando il modello T 2112 per il rilascio della patente di guida, disponibile sul portale dedicato all’automobilista.

Anche in questo caso, il prezzo complessivo per rifare la patente si aggira sui 16 euro.

Rifare il passaporto: quanto costa?

Come abbiamo visto sinora, a parte per la tessera sanitaria, il cui rinnovo è completamente gratuito, rifare la carta d’identità e la patente comporta il sostenimento di costi tutto sommato irrisori.

Diverso, invece, il caso del passaporto. Chiunque smarrisse questo documento di riconoscimento, può presentare domanda di rinnovo:

  • in Questura – ufficio passaporto;
  • in Comune;
  • alle Poste.

Qualunque sia l’ufficio di riferimento, il rinnovo del passaporto costa, complessivamente, 116 euro, di cui:

  • 73,50 euro di marca da bollo, acquistabile presso qualsiasi tabaccaio autorizzato;
  • 42,50 euro da versare nelle casse del Dipartimento del Tesoro del ministero dell’Economia e delle Finanze.

Dopo aver adempiuto a questo pagamento, occorreranno alcuni giorni per ricevere il nuovo passaporto. La tempistica di consegna varia a seconda dell’ufficio che segue la pratica: in genere, se ci si rivolge all’ufficio passaporto della Questura, i tempi si riducono a una manciata di giorni.

Al termine di questo breve viaggio dedicato al rinnovo dei documenti di riconoscimento, possiamo dire che, se fossimo al posto di Tizio, di cui abbiamo parlato in apertura, rifare la cie, la tessera sanitaria, la patente e il passaporto ci verrebbe a costare poco più di 154 euro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. e per rifare o duplicare il porto d’armi? sia quello sportivo , che quello per caccia (rilasciati dalla questura) e quello per difesa personale (rilasciato dalla prefettura)

    1. Il porto d’armi per difesa personale può essere richiesto attraverso la compilazione di un apposito modulo disponibile presso la stazione dei Carabinieri, il commissariato di pubblica sicurezza o la Questura: puoi consegnarlo a mano o inoltrarlo telematicamente o con una raccomandata per posta. La domanda per gli altri tipi di porto d’armi può essere presentata online oppure presso i commissariati di zona o le Questure. Consigliamo la lettura dei nostri articoli: Come ottenere porto d’armi per difesa personale; Negato rinnovo del porto d’armi: cosa fare; Quante armi si possono detenere con il porto d’armi?; Porto d’armi: quali sono i requisiti e come ottenerlo; Porto d’armi: come si ottiene.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube