Diritto e Fisco | Articoli

Come fare per avere una copia del libretto di circolazione?

26 Febbraio 2021 | Autore:
Come fare per avere una copia del libretto di circolazione?

Il furto, lo smarrimento o la distruzione della carta che attesta l’idoneità di un mezzo alla circolazione, sono le ipotesi in cui va richiesto il duplicato: modalità, costi e tempistica della procedura.

Circolare per strada alla guida di un veicolo, sia esso un’autovettura, un motociclo o un ciclomotore, presuppone per il conducente il rispetto di alcuni specifici obblighi tra i quali rientra quello di portare con sé la carta di circolazione, altrimenti detta libretto di circolazione. In caso di controllo da parte delle forze dell’ordine non basta, quindi, essere muniti della patente e del certificato di assicurazione poiché di solito viene richiesto di esibire anche la carta di circolazione. Ne consegue che nell’ipotesi di furto, di smarrimento o di distruzione della stessa, occorre attivarsi subito per ottenerne un duplicato.

Come fare per avere una copia del libretto di circolazione? La procedura da seguire è assai semplice e nel giro di circa un mese il nuovo libretto dovrebbe arrivare a casa. A proposito di tale documento, inoltre, è bene sapere che un decreto legge del 2017 [1] ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico il Duc (Documento unico di circolazione), che sostituisce il certificato di proprietà, di competenza del Pubblico registro automobilistico (Pra), e il libretto di circolazione, che viene rilasciato dalla Motorizzazione civile.

Pertanto, invece di avere due documenti distinti, si ha un unico documento, che li unisce entrambi. Per il Duc, che è entrato in vigore il 1° gennaio 2020, è necessario un processo di completamento graduale che dovrebbe ultimarsi entro la fine dell’anno in corso.

Furto, smarrimento, distruzione del libretto di circolazione: cosa fare?

L’iter burocratico per ottenere una copia del libretto di circolazione, rubato o smarrito, prevede innanzitutto la presentazione della denuncia, entro 48 ore dall’accaduto, presso un ufficio della polizia di Stato o un comando dell’Arma dei Carabinieri.

La denuncia è possibile inviarla anche telematicamente, accedendo al servizio di “denuncia via web” della polizia di Stato o dei Carabinieri.

Successivamente alla denuncia, le forze dell’ordine rilasciano un permesso provvisorio, con il quale è possibile circolare con il veicolo senza incorrere in alcuna sanzione. Il permesso provvisorio rimane valido fino a quando il proprietario del mezzo non riceve il duplicato del libretto.

Se dopo la denuncia il libretto di circolazione viene ritrovato, non è più valido e va distrutto.

Nel caso in cui il libretto di circolazione è rubato o viene smarrito all’estero, la denuncia va fatta presso le autorità del Paese straniero e successivamente anche in Italia.

Copia del libretto di circolazione: come richiederla?

Per avere la copia della carta di circolazione la procedura cambia a seconda se il documento sia duplicabile o meno.

Nel primo caso, è la stessa autorità presso la quale è stato denunciato il furto o lo smarrimento del libretto ad inoltrare la richiesta del duplicato alla Motorizzazione civile e il documento arriverà direttamente presso l’indirizzo comunicato dal richiedente.

Se entro 45 giorni dalla richiesta il duplicato non dovesse venire recapitato, si può contattare il numero verde 800232323, disponibile dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 e sabato dalle 8 alle 14.

Se il libretto non è duplicabile, l’interessato deve presentarsi personalmente presso gli uffici della Motorizzazione civile con tutta la documentazione necessaria.

In particolare, deve portare con sé:

  • l’attestazione del versamento di 10,20 euro, effettuato sul c/c 9001;
  • il modulo TT2119, compilato con tutti i dati richiesti. Il modulo, che è disponibile in forma cartacea presso gli uffici della Motorizzazione civile, si può anche scaricare dal Portale dell’automobilista;
  • una fotocopia della denuncia di furto/smarrimento rilasciata dalle autorità;
  • il permesso provvisorio di circolazione;
  • la carta d’identità valida.

La domanda può essere presentata anche da una persona diversa dal proprietario del mezzo, munito di un’apposita delega.

Se il libretto di circolazione si è deteriorato, non bisogna presentare alcuna denuncia ma occorre recarsi direttamente presso la Motorizzazione civile e richiedere il duplicato.

Quanto costa il duplicato del libretto di circolazione

Il duplicato del libretto di circolazione rubato, smarrito o deteriorato comporta il pagamento di:

  • 10,20 euro per i diritti dovuti al Dipartimento dei Trasporti Terrestri (c/c 9001), che si può eseguire tramite bollettino prestampato, disponibile presso gli uffici postali e presso gli uffici della Motorizzazione civile, oppure tramite il servizio paga online di Poste Italiane;
  • se il libretto è duplicabile e la richiesta della copia è stata fatta dalle forze dell’ordine, ai 10,20 euro bisogna aggiungere le spese di spedizione postale (all’incirca 9,00 euro). Il versamento può essere effettuato in contanti o tramite Pos, direttamente al postino al momento della consegna del documento.

Quali sono i tempi di attesa della copia del libretto di circolazione

Per la copia del libretto di circolazione, di solito, i tempi per il rilascio si aggirano intorno ai 30 giorni dalla data di rilascio del permesso provvisorio e, quindi, dal giorno della denuncia.

Se si ha urgenza di ottenere il duplicato (ad esempio perché il richiedente deve recarsi all’estero con il veicolo oppure deve concludere il passaggio di proprietà e vendere il mezzo), dopo la denuncia presso le forze dell’ordine, bisogna recarsi subito alla Motorizzazione civile, che rilascerà immediatamente il documento.

In alternativa, è possibile rivolgersi ad una delle tante agenzie di disbrigo di pratiche automobilistiche, a cui va pagata una tariffa aggiuntiva per il servizio offerto.


note

[1] D. L. n. 98/2017.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube