Diritto e Fisco | Articoli

Associazione culturale: requisiti

26 Febbraio 2021 | Autore:
Associazione culturale: requisiti

L’iter da seguire per creare una realtà associativa senza scopo di lucro. Il facsimile dell’atto costitutivo e le indicazioni su cosa deve contenere lo statuto.

Hai un gruppo di amici con cui condividi una passione comune: la musica, l’arte, il teatro, la letteratura, le tradizioni del luogo in cui abitate. Vi trovate spesso e sentite tutti quanti la necessità di promuovere quello che vi appassiona e in cui credete. Vi passa per la testa – ne avete già discusso – di formare un’associazione culturale. Requisiti, statuto, finanziamento e aspetti burocratici, però, vi spaventano: nessuno di voi ha mai vissuto un’esperienza del genere, nessuno ha mai gestito una realtà di questo tipo. Vi sentite disorientati e non sapere da dove cominciare.

È proprio quello che stiamo per spiegarti: come fondare un’associazione culturale, quali requisiti ci vogliono, se ci sono degli aspetti fiscali da tenere in particolare considerazione, come si fa l’atto costitutivo, come si deve organizzare. Le cose da sapere sono diverse ma, una volta partiti, tutto sembrerà più semplice. Ecco quali sono i requisiti di un’associazione culturale e che cosa bisogna fare per costituirla e farla funzionare.

Associazione culturale: che cos’è?

Formalmente, che cosa si intende per associazione culturale e quando può essere riconosciuta come tale? Si può dire, innanzitutto, che fa parte dell’universo delle associazioni No Profit generiche. Significa che non hanno scopo di lucro e che non hanno una normativa di riferimento particolare come quelle delle Onlus, delle associazioni di volontariato, delle associazioni sportive dilettantistiche, ecc.

Non vuol dire, però, che sia ammessa l’anarchia all’interno di un’associazione culturale: devono rispettare le norme del Codice civile e della legge fiscale, cioè del Testo unico delle imposte sui redditi (Tuir) riguardanti gli enti non commerciali.

Gli ambiti in cui può operare un’associazione culturale sono tanti: cinema, teatro, spettacolo, musica e attività coristiche, arte, sport, educazione civica e sociale, lettura, organizzazione di corsi a tema, protezione dell’ambiente, ecc. L’importante è che i soci siano convinti di voler vivere e promuovere insieme la passione ed i valori in cui credono.

Associazione culturale: quali requisiti?

Probabilmente il requisito più importante di un’associazione culturale è quello che abbiamo appena citato: la volontà di promuovere e di condividere un obiettivo comune nell’ambito prescelto. La passione porta alla costanza e alla voglia di portare avanti un progetto, quindi senza questo requisito difficilmente l’esperienza associativa durerà a lungo.

Poi ci sono anche i vincoli formali. Si possono riassumere in questo modo:

  • essere almeno due soci;
  • indicare gli obiettivi e le attività attraverso le quali si intende raggiungerli;
  • formalizzare per iscritto la volontà di costituirsi in associazione;
  • presentare la domanda per avere un codice fiscale come associazione;
  • usare i libri sociali e conservare tutti i documenti relativi all’associazione;
  • chiedere alle autorità competenti le dovute autorizzazioni per svolgere le attività programmate.

Associazione culturale: l’atto costitutivo

Altro requisito per poter operare come associazione culturale è quello di fare un atto costitutivo, ovvero il documento in cui si formalizza la nascita dell’associazione, l’obiettivo che si intende raggiungere e la volontà di perseguirlo in comune. Devono essere indicati:

  • la denominazione dell’ente;
  • lo scopo dell’associazione;
  • il patrimonio;
  • la sede;
  • data e luogo in cui i soci fondatori hanno costituito in assemblea l’associazione;
  • nome, cognome, residenza e codice fiscale dei soci fondatori;
  • composizione del Consiglio direttivo.

L’atto deve essere firmato da tutti i soci fondatori presenti al momento della costituzione dell’associazione.

In basso, puoi trovare un facsimile di atto costitutivo (basterà sostituire i dati riportati a titolo esemplificativo).

Associazione culturale: lo statuto

A differenza dell’atto costitutivo, lo statuto è il documento che contiene le regole per la gestione interna dell’associazione culturale e per l’organizzazione delle attività che svolge.

Lo statuto deve riportare:

  • denominazione dell’associazione;
  • oggetto sociale;
  • nome del legale rappresentante;
  • assenza dei fini di lucro;
  • impossibilità di distribuire i proventi delle attività svolte tra gli associati;
  • previsione del rispetto degli stessi diritti per gli associati (compreso il diritto di voto);
  • il carattere elettivo delle cariche sociali;
  • previsione di un rendiconto economico e finanziario obbligatorio, con le indicazioni su come avverrà la sua approvazione;
  • la libera eleggibilità degli organi amministrativi;
  • l’operatività del principio del voto singolo e la sovranità dell’assemblea;
  • i criteri di ammissione e di esclusione;
  • i criteri e le forme di pubblicità delle convocazioni dell’assemblea, delle delibere, dei rendiconti o dei bilanci;
  • la non trasmissibilità delle quote associative e dei contributi (tranne in caso di morte) e la possibilità di rivalutarle;
  • la modalità di scioglimento con l’obbligo di devolvere il patrimonio ad enti che perseguono la stessa finalità.

Associazione culturale: la parte fiscale

Con l’atto costitutivo e lo statuto dell’associazione culturale, è possibile chiedere un codice fiscale presso l’Agenzia delle Entrate, compilando il modello AA5u/6 o inviando la richiesta tramite raccomandata.

Ottenuto il codice fiscale, l’associazione provvede a registrare l’atto costitutivo e lo statuto sempre presso l’Agenzia delle Entrate presentando:

  • il modello 69;
  • due originali dell’atto da registrare;
  • una marca da bollo da 16 euro ogni 4 facciate oppure ogni 100 righe;
  • il modello di pagamento F23 per l’imposta di registro, pari a 200 euro.

Fatto questo, l’associazione può chiedere, se lo ritiene opportuno, l’apertura della partita Iva, ancora una volta presso l’Agenzia delle Entrate.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Buongiorno è possibile costituire una associazione nazionale con sezioni territoriali in forma di rete nazionale.
    il modulo atto costitutivo e statuto non è presente.
    Grazie
    Dr. Pompeo Cannalonga
    391 1163319

    1. L’associazione è un ente privato senza scopo di lucro, composto da un gruppo di persone unite per il perseguimento di un interesse collettivo di stampo culturale. Scopri in questo articolo “Come costituire un’associazione culturale”, come redigere lo statuto di un’associazione culturale, come chiedere il codice fiscale, come si registrano l’atto e lo statuto, come e quando procedere all’apertura della partita Iva dell’associazione culturale.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube