HOME Articoli

Lo sai che? Se il badante lascia solo di notte l’anziano commette reato

Lo sai che? Pubblicato il 9 gennaio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 9 gennaio 2014

Per la configurazione del reato di abbandono di persona incapace è sufficiente il dolo generico, ossia la consapevolezza di abbandonare il soggetto passivo, che non abbia le capacità di provvedere autonomamente alle proprie esigenze.

L’Italia è piena di extracomunitari che, per mantenersi, offrono la propria assistenza in favore di persone anziane. Lo fanno in cambio di vitto, alloggio e uno stipendio a volte modesto. Diventano così badanti “a tempo pieno”, affidatari dei bisogni primari di un parente ormai avanzato di età o di un portatore di handicap totalmente incapace.

Capita, però, non raramente il badante abbandoni il “posto di lavoro”, a volte anche durante la notte, senza preavviso, alla ricerca di un impiego meno vincolante o per far ritorno al suo Paese d’origine.

Sono casi ordinari, purtroppo, fin troppo ripetuti forse perché le famiglie, dinanzi a tali illeciti, “lasciano correre”, strette più dalla necessità di trovare, nell’immediatezza, un sostituto. Ma non sempre si pone attenzione al fatto che detto comportamento configura un reato: quello di “abbandono di persona incapace[1]. Il che consente di querelare il badante poco zelante e di avviare, nei suoi confronti, un vero e proprio processo penale.

Lo ha ricordato la Cassazione in una recente sentenza [2].

In verità, perché si realizzi il reato in questione non è necessaria la fuga del “lavoratore”; basta semplicemente che questi abbandoni l’anziano o l’incapace anche per poche ore, sebbene dorma nella propria abitazione, per assentarsi e recarsi altrove.

Non rileva se il badante non abbia le competenze professionali rivolte all’assistenza di persone disabili. È sufficiente la semplice consapevolezza di abbandonare il soggetto che non abbia le capacità di provvedere autonomamente alle proprie esigenze [3].

note

[1] Art. 591 cod. pen.

[2] Cass. sent. n. 49492/13 del 9.12.2013.

[3] Sufficiente il dolo generico.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. avete citato una sentenza Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 23 ottobre – 9 dicembre 2013, n. 49493 Presidente Lombardi che non si riesce a trovare.
    Si può avere ? potete pubblicarla per intero?Grazie se potete

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI