Diritto e Fisco | Articoli

Se il badante lascia solo di notte l’anziano commette reato

9 Gennaio 2014
Se il badante lascia solo di notte l’anziano commette reato

Per la configurazione del reato di abbandono di persona incapace è sufficiente il dolo generico, ossia la consapevolezza di abbandonare il soggetto passivo, che non abbia le capacità di provvedere autonomamente alle proprie esigenze.

L’Italia è piena di extracomunitari che, per mantenersi, offrono la propria assistenza in favore di persone anziane. Lo fanno in cambio di vitto, alloggio e uno stipendio a volte modesto. Diventano così badanti “a tempo pieno”, affidatari dei bisogni primari di un parente ormai avanzato di età o di un portatore di handicap totalmente incapace.

Capita, però, non raramente il badante abbandoni il “posto di lavoro”, a volte anche durante la notte, senza preavviso, alla ricerca di un impiego meno vincolante o per far ritorno al suo Paese d’origine.

Sono casi ordinari, purtroppo, fin troppo ripetuti forse perché le famiglie, dinanzi a tali illeciti, “lasciano correre”, strette più dalla necessità di trovare, nell’immediatezza, un sostituto. Ma non sempre si pone attenzione al fatto che detto comportamento configura un reato: quello di “abbandono di persona incapace[1]. Il che consente di querelare il badante poco zelante e di avviare, nei suoi confronti, un vero e proprio processo penale.

Lo ha ricordato la Cassazione in una recente sentenza [2].

In verità, perché si realizzi il reato in questione non è necessaria la fuga del “lavoratore”; basta semplicemente che questi abbandoni l’anziano o l’incapace anche per poche ore, sebbene dorma nella propria abitazione, per assentarsi e recarsi altrove.

Non rileva se il badante non abbia le competenze professionali rivolte all’assistenza di persone disabili. È sufficiente la semplice consapevolezza di abbandonare il soggetto che non abbia le capacità di provvedere autonomamente alle proprie esigenze [3].


note

[1] Art. 591 cod. pen.

[2] Cass. sent. n. 49492/13 del 9.12.2013.

[3] Sufficiente il dolo generico.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. avete citato una sentenza Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 23 ottobre – 9 dicembre 2013, n. 49493 Presidente Lombardi che non si riesce a trovare.
    Si può avere ? potete pubblicarla per intero?Grazie se potete

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube