Business | Articoli

Fallito libero dai debiti tributari col fisco ed Equitalia con l’esdebitazione

5 Novembre 2014
Fallito libero dai debiti tributari col fisco ed Equitalia con l’esdebitazione

Cartella IVA e IRAP cancellate se attengono all’esercizio dell’azienda poi fallita.

 

Se il fallito accede al meccanismo dell’esdebitazione dai debiti residui (previsto dalla legge fallimentare [1]) si libera anche di tutte le obbligazioni tributarie e quindi non è più tenuto al pagamento delle somme dovute nei confronti dell’Erario e di Equitalia.

È quanto emerge da una recente ordinanza interlocutoria della Cassazione [1].

La vicenda

Al socio responsabile di una società dichiarata fallita, e fallito in proprio, veniva intimato dall’Agenzia delle Entrate il pagamento di somme dovute  a titolo di Iva e Irap. La Commissione Tributaria Regionale riteneva però illegittima la cartella di pagamento, in quanto il soggetto aveva ottenuto un decreto di esdebitazione dal Tribunale. L’Agenzia delle Entrate proponeva, infine, ricorso per cassazione.

Esdebitazione e debiti tributari

Secondo la Suprema Corte, i crediti tributari non sono espressamente esclusi dall’esdebitazione. La legge fallimentare [1] prevede, infatti, che a determinate condizioni il fallito persona fisica venga liberato dai debiti residui, nei confronti dei creditori concorsuali non soddisfatti.

Restano esclusi dalla liberazione solo alcune tipologie di debiti, tra cui le obbligazioni derivanti da rapporti estranei all’esercizio dell’impresa.

Quanto ai debiti tributari, almeno per quelli che derivano da rapporti non estranei all’esercizio dell’impresa, quali, tra l’altro, l’Iva e l’Irap, opera senza dubbio la cancellazione con l’esdebitazione.

L’esdebitazione, quindi, libera il fallito anche dai debiti tributari: è questa la conclusione della Cassazione che, però, vista l’importanza della questione dedotta, ha ritenuto opportuna la trattazione della controversia in pubblica udienza.


note

[1] Art. 142 l. fall.

[2] Cass. ord. intelocutoria n. 23129/14 del 30.10.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube