Diritto e Fisco | Articoli

Benefici prima casa: quando posso trasferirmi?

5 Dicembre 2020
Benefici prima casa: quando posso trasferirmi?

Dopo aver acquistato un appartamento usufruendo dei benefici prima casa, mi appresto a trasferirmi in esso per rispettare l’obbligo di spostare la residenza nei 18 mesi dalla compravendita. Per i mesi a venire, però, starei valutando di andare a vivere dalla mia compagna a Bologna.

Posso affittare l’immobile senza perdere lo sconto d’imposta? Dopo quanto tempo posso cambiare ancora residenza senza decadere dai benefici fiscali di cui ho goduto?

Gentile cliente, pare che sia già a conoscenza del fatto che per avere diritto allo sconto d’imposta legato all’acquisto della prima casa, deve, obbligatoriamente, risiedere nel comune in cui è ubicato l’immobile o radicare la propria dimora abituale nel predetto territorio comunale entro i diciotto mesi successivi all’acquisto [1].

A ciò deve aggiungere che l’eventuale successiva locazione del bene non comporta il venir meno dei citati benefici fiscali. Infatti, come precisato dalla stessa Agenzia delle Entrate, non si verifica alcuna decadenza poiché con l’affitto il contribuente non perde il possesso dell’immobile (a questo riguardo troverà conferma di tale affermazione all’interno della “Guida all’acquisto della casa – le imposte e le agevolazioni fiscali”, consultabile sul sito dell’Agenzia).

Non è mai stato chiarito, invece, per quanto tempo l’acquirente/proprietario debba mantenere la predetta residenza anagrafica. Non esistono commenti giurisprudenziali a riguardo e nemmeno spiegazioni del fisco. Probabilmente, semplicemente perché non c’è nulla da spiegare.

La normativa in materia, infatti, non vieta in alcun modo l’eventuale successivo trasferimento anagrafico. Pertanto nel silenzio della legge, un altro cambio di residenza non dovrebbe comportare alcuna decadenza. In particolare, tale conclusione sarebbe oltremodo giustificata dinanzi a comprovate esigenze legate al nuovo spostamento, quali, ad esempio, le mutate esigenze lavorative oppure, come nel suo caso, il legittimo desiderio di avviare un rapporto di convivenza con la propria compagna.

Pertanto, valutando la sua situazione e alla luce delle considerazioni appena espresse, potrebbe sia concedere in locazione l’immobile appena comprato (anche a titolo parziale) sia, in data successiva, spostare, in seconda istanza, la propria residenza anagrafica in Bologna.

Facendo così, infatti, non emergerebbe alcun presupposto che, a norma di legge, potrebbe giustificare, legittimamente, la decadenza dai benefici fiscali di cui ha usufruito.

Comunque, a titolo prudenziale, alla dichiarazione di residenza anagrafica presso il nuovo appartamento è opportuno che faccia seguire l’effettiva permanenza ed abitazione nell’immobile, almeno per qualche mese. Potrà, quindi, avvalorare tale circostanza con l’intestazione delle utenze e i conseguenti consumi, da comprovare mediante le fatture emesse.

In questo modo, infatti, potrà dimostrare di aver, concretamente, adempiuto l’obbligo di legge per usufruire dello sconto d’imposta prima casa e che solo le mutate esigenze successive hanno comportato o reso necessario l’ulteriore trasferimento.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Marco Borriello


note

[1] Art. 1 Nota II – bis, co. 1 lett. a) Tariffa Parte Prima Dpr. 131/1986


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube