Diritto e Fisco | Articoli

Preventivo officina: ha valore di prova in processo?

4 Dicembre 2020
Preventivo officina: ha valore di prova in processo?

Incidente stradale: valore probatorio del preventivo di spesa e sentenze dalla Cassazione. 

Non è raro che, in una causa relativa a un incidente stradale, la parte danneggiata presenti al giudice il preventivo di spesa come dimostrazione dei danni subiti. Alcuni avvocati, per corroborare il documento, chiamano a testimoniare il titolare dell’officina che ha visionato il mezzo. Tanto, di solito, si fa al fine di evitare una consulenza tecnica d’ufficio che, specie per i danni di lieve entità, potrebbe essere costosa e antieconomica. Ma il preventivo dell’officina ha valore di prova in processo? La questione è stata più volte affrontata dalla Cassazione. Cerchiamo di comprendere qual è l’indirizzo sposato, a più riprese, dai giudici supremi. 

Quando il preventivo non ha valore di prova

Di per sé, il preventivo è un’allegazione di parte e, trattandosi di un documento non formatosi nel contraddittorio processuale, non ha alcun valore di prova. A tanto è arrivata la Cassazione nel 2013 [1] in cui ha stabilito che, nel giudizio di risarcimento del danno da sinistro stradale, «non ha valore di prova il preventivo di riparazione redatto da un soggetto estraneo alla controversia e non corroborato da altri elementi quali il listino prezzi relativo ai pezzi di ricambio del veicolo danneggiato e, soprattutto, dalle fotografie dello stesso».

Nel giudizio in commento, l’avvocato aveva affermato che il preventivo dell’officina sarebbe da considerare alla stregua di una produzione di fotografie. Al riguardo, la Suprema Corte ha ritenuto invece di non condividere tali argomentazioni per la semplice ragione che le stesse rimetterebbero in discussione l’apprezzamento in fatto già eseguito dai giudici di merito. Detto apprezzamento dei fatti e delle prove è invece sottratto al sindacato della Cassazione, dal momento che a quest’ultima non è consentito di riesaminare e valutare il merito della causa, ma solo quello di controllare, sotto il profilo logico formale e della correttezza giuridica, l’esame e la valutazione fatta dal giudice di merito.

Quando il preventivo ha valore di prova

Più di recente, la Cassazione è tornata sul tema del preventivo e del valore di prova che può avere in un processo. In questo caso [2], la Corte ha sostenuto che, in assenza di un’esplicita contestazione, da parte del presunto responsabile, dell’entità del danno subito dalla vittima di un incidente stradale, il preventivo può assumere valore di prova. L’avversario ha quindi l’onere di contestare specificamente il preventivo prodotto in giudizio, diversamente lo stesso può essere assunto come principio di prova dei danni.

Nel caso di specie, un automobilista era passato sotto un ponte troppo basso e non opportunamente segnalato. Il Comune però, convenuto in giudizio, non aveva contestato, in modo specifico, l’ammontare del danno subito, ma si era limitato a sostenere che la richiesta di risarcimento fosse eccessiva. La difesa dell’ente locale si era limitata ad attribuire la colpa dell’incidente all’eccessiva velocità dell’autista, cosa che si sarebbe potuto dedurre proprio dall’entità dei danni riportati dal veicolo, con ciò però ammettendo che tali danni erano, per l’appunto, ingenti. 

In tal caso, quindi, la Cassazione ha ritenuto che la mancata contestazione specifica del danno patito dall’attore e del preventivo depositato in giudizio può fissare l’ammontare del danno. La stima depositata in originale e completa di ogni elemento identificativo è un documento che deve essere contrastato adeguatamente dal convenuto.


note

[1] Cass. sent. n. 26693/2013.

[2] Cass. sent. n. 27624/20 del 3.12.2020.

Autore immagine: depositphotos.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube