Diritto e Fisco | Articoli

Si può cambiare auto con finanziamento in corso?

1 Marzo 2021 | Autore:
Si può cambiare auto con finanziamento in corso?

Ecco cosa può accadere se decidi di comprare un veicolo nuovo, ma stai ancora pagando le rate del prestito di quello vecchio.

Sono tanti i motivi per cui si vuole cambiare auto. Per ipotesi, è disponibile sul mercato la nuova versione del modello che stai guidando e, pertanto, ti piacerebbe acquistarla in sostituzione dell’attuale vettura. Oppure, è nato un secondo figlio e, per questa ragione, vorresti comprare un veicolo più grande e più adatto alle esigenze della famiglia. In questi casi, come in altri, si tratta di un desiderio più che lecito. Tuttavia, temi che il finanziamento ancora in atto ed ottenuto per acquistare la prima auto possa ostacolare la tua iniziativa. Quindi, ti chiedi: «Si può cambiare auto con un finanziamento in corso?».

In una circostanza come questa, non è mai imprudente assumere tutte le informazioni del caso. Ad esempio, se non sei in regola con i pagamenti previsti dal prestito attuale, prevedi dei problemi per ottenere un altro accredito. Oppure, per coprire parte del prezzo necessario al nuovo acquisto, hai intenzione di cedere la tua auto. Ti preoccupi, però, che un finanziamento, ancora non estinto, possa creare problemi al potenziale compratore e, per questa ragione, pensi di non poterla vendere. In sostanza, quindi, vuoi conoscere gli scenari che si aprono allorché procedi alla sostituzione del tuo veicolo, ma con un finanziamento ancora in corso. Non ti resta che proseguire nella lettura per chiarirti le idee.

Cambio auto con finanziamento in corso: problemi per il venditore?

Se acquisti una vettura avvalendoti di un prestito, evidentemente, dovrai restituirlo nel rispetto del piano di ammortamento. Ciò comporterà il versamento delle rate mensili per un periodo che potrà durare anche molti anni. In una circostanza come questa, è naturale prevedere che, nel frattempo, possa maturare il desiderio o l’esigenza di cambiare auto. Se questo è il tuo caso, non devi preoccuparti, perché non c’è alcuna legge che ti impedisce di sostituire e/o cedere un veicolo per il quale è tuttora in corso il finanziamento già ottenuto.

Devi sapere, infatti, che la compravendita di un’auto e il prestito legato ad essa sono due operazioni completamente distinte e del tutto autonome. Pertanto, nulla vieta di cambiare la tua vettura e di acquistarne un’altra anche se non hai ancora rimborsato tutte le rate del finanziamento. Ovviamente, non dimenticare di saldarle, poiché in caso contrario diventeresti un cattivo pagatore, saresti segnalato in Crif e saresti soggetto all’azione di recupero, per ipotesi con un decreto ingiuntivo, da parte della società creditrice.

Cambio veicolo con prestito in corso: cosa rischia il compratore?

Il potenziale compratore di un’auto, per la quale l’attuale proprietario ha ottenuto un finanziamento ancora non estinto, non deve temere alcuna conseguenza legata al proprio acquisto. Il veicolo, di norma, è infatti libero da ogni peso e tanto meno è gravato da un’ipoteca a garanzia del prestito. D’altra parte, per verificare ciò, è sufficiente fare una visura al Pra e constatare che la vettura non ha alcun vincolo o peso (ad esempio, anche un fermo amministrativo) che possa pregiudicarne la compravendita. L’acquirente, quindi, può di regola stare tranquillo e non deve preoccuparsi nemmeno se, successivamente al passaggio di proprietà, il venditore dovesse risultare inadempiente al versamento delle rate del finanziamento pregresso. Infatti, la banca creditrice non può rivalersi su un soggetto, cioè il compratore, del tutto estraneo al rapporto obbligatorio nato in concomitanza con il precedente acquisto.

Finanziamento auto: posso estinguerlo?

Quando ottieni un mutuo o un finanziamento, come quello legato alla compravendita di un’auto, ti impegni a restituire la somma ricevuta, maggiorata degli interessi, entro un certo periodo di tempo, versando le rate mensili previste dal piano di ammortamento. Nulla, però, ti impedisce di estinguere il finanziamento in anticipo, evitando di pagare gli interessi tuttora non corrisposti e saldando la cosiddetta quota capitale ancora non rimborsata. Per farlo è opportuno, preventivamente, chiedere alla finanziaria il conteggio estintivo del prestito. In questo modo, potrai sapere se si tratta di un’operazione conveniente, visto che sarai tenuto, comunque, a pagare un indennizzo alla società creditrice. Tuttavia, non dovresti temere questo aspetto, poiché stiamo parlando di un importo che non potrà mai superare la percentuale dell’1% della somma restituita in anticipo.

Finanziamento in corso: posso averne un altro per cambiare auto?

Quando viene erogato un mutuo, in linea di principio, non c’è alcun ostacolo insormontabile che possa impedire un altro finanziamento.

La finanziaria potrebbe concedere un secondo prestito per acquistare un’auto nuova o usata. La questione, quindi, è tutta legata alla convenienza ed all’opportunità dell’operazione. La banca, infatti, potrebbe negare un altro mutuo semplicemente perché potrebbe valutarlo rischioso; ad esempio, in quanto il debitore non ha uno stipendio così alto per rimborsare due prestiti oppure poiché non è in regola con quello ancora in atto. Sono queste, pertanto, le ragioni che potrebbero motivare la mancata concessione di un altro finanziamento in aggiunta a quello già in corso.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube