Licenziato in emergenza Covid? Va riassunto e risarcito

4 Dicembre 2020 | Autore:
Licenziato in emergenza Covid? Va riassunto e risarcito

La normativa sul blocco dei licenziamenti è inderogabile: il recesso del datore è nullo. Il dipendente ha diritto alla reintegra, all’indennità e ai contributi.

Il divieto di licenziamento durante l’emergenza Covid è tassativo e insuperabile: una nuova sentenza [1] lo ha sancito a chiare lettere, dichiarando nullo il licenziamento di una lavoratrice impiegata con mansioni di commessa e ordinando la sua reintegra nel posto e il risarcimento dei danni mediante l’indennità sostitutiva della retribuzione per i periodi non lavorati.

La pronuncia del tribunale di Mantova è una delle prime che arrivano sul delicato tema della validità dei licenziamenti intimati durante il periodo della pandemia. Il giudice non ha avuto dubbi: il licenziamento è nullo per violazione dello stop ai licenziamenti imposto dalla legge con i Decreti Cura Italia e Rilancio, che costituiscono «norme di ordine pubblico e dal carattere imperativo» e, come tali, non ammettono deroghe.

Il datore di lavoro aveva licenziato la dipendente per giustificato motivo oggettivo: «Con la presente ci dispiace comunicarle che è emersa la necessità di risolvere il rapporto di lavoro per chiusura sede operativa e successiva cessazione dell’attività dell’azienda», diceva la lettera, inviata a giugno 2020.

Ma la commessa licenziata ha impugnato il provvedimento, evidenziando che il negozio in cui era occupata era ancora aperto, così come gli altri punti vendita della società, e le sue colleghe erano rimaste a lavorare. E l’impresa, durante il giudizio svoltosi al tribunale del lavoro, non ha provato di aver effettivamente cessato l’attività, come aveva preannunciato nella lettera di licenziamento.

Così la sentenza ha condannato l’azienda alla reintegra della lavoratrice [2] nel posto precedentemente occupato; ciò comporta che il datore di lavoro dovrà pagarle la retribuzione dovuta dalla data del licenziamento fino al momento della riassunzione in servizio (ferma restando la possibilità per il dipendente di optare per l’indennità sostitutiva della reintegra) e versarle i contributi previdenziali ed assistenziali dovuti.

Il tribunale ha precisato che la normativa sul blocco dei licenziamenti costituisce «una tutela temporanea della stabilità dei rapporti per salvaguardare la stabilità del mercato e del sistema economico, ed è una misura di politica del mercato del lavoro e di politica economica collegata ad esigenze di ordine pubblico». Attualmente, il divieto di licenziamenti è stato prorogato fino al 31 gennaio 2021.


note

[1] Trib. Mantova, sent. n. 112/20 del 11 novembre 2020.

[2] Art. 18, comma 1, Legge n. 300/1970 (Statuto dei lavoratori) e art. 2 D.Lgs. n. 23/2015.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube