Cronaca | News

Come vedere parenti e amici a Natale e Capodanno

4 Dicembre 2020 | Autore:
Come vedere parenti e amici a Natale e Capodanno

Ci sono dei modi legali di trascorrere le feste con i cari che vivono fuori Comune o in un’altra Regione nonostante i divieti del Dpcm.

Il coronavirus ti ha costretto quest’anno a fare Pasqua con i tuoi. Speravi, a questo punto, di poter fare Natale con chi vuoi, ma non sarà così. Il Dpcm firmato da Conte ti obbligherà a stare con chi vuole il Governo, non con chi avresti scelto tu per passare le feste. Se vivi da solo e hai i parenti fuori Comune, dovrai preparare la lasagna e il cappone solo per te. Se, peggio ancora, genitori e fratelli abitano in un’altra Regione, l’ultimo dell’anno anziché il trenino farai al massimo la locomotiva da solo.

Mentre il Governo pensa a qualche deroga ai divieti imposti dal Dpcm, esistono già delle soluzioni per vedere parenti e amici a Natale e Capodanno. Alternative legali, ci mancherebbe altro. A Natale siamo tutti più buoni e non vanno bene le bugie; altrimenti, niente regali sotto l’albero. Ammesso che qualcuno che non sia Amazon ce li possa consegnare.

La prima, quella più temuta dai governatori: giocare sulle date. Il decreto vieta gli spostamenti tra le Regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio. Ammesso e non concesso che, secondo le parole di Conte, prima di Natale tutta l’Italia diventerà gialla, nulla vieta di raggiungere i genitori il 20 dicembre (o il 19, che è sabato) e di tornare a casa il 7 gennaio.

Probabile che ci siano dei problemi a prendere così tanti giorni di ferie: ecco, allora, che esiste l’alternativa numero 2, sempre basata su un gioco di date. È possibile raggiungere parenti e amici il 20 dicembre, cioè prima che scatti il divieto di mobilità, e tornare a casa il 27 dicembre, cioè dopo Natale e Santo Stefano. In caso di controllo, si può sempre dire senza imbrogliare nessuno che si sta tornando nel luogo di residenza o di domicilio per motivi di lavoro.

In questo modo, però, si dovrebbe rinunciare a Capodanno. Eh sì, perché si può andare dai genitori prima del 21, non durante il blocco. Volendo, però, se i giorni di ferie sono pochi, un sistema ci sarebbe: quello di farsi trovare da un parente o da un amico un lavoro per qualche giorno, giusto per la settimana dal 28 dicembre (lunedì) al 3 gennaio (domenica). Ad esempio, in un ristorante, in un bar, in un negozio di proprietà di qualcuno di loro, visto che in quel periodo sono aperti fino a più tardi. Per motivi di lavoro, dunque, si potrebbe raggiungere la città in cui abitano parenti o amici e passare con loro il Capodanno. Lavorando durante la settimana, però.

C’è una soluzione anche per chi abita a pochi chilometri dai genitori o dagli amici ma in un Comune diverso. Come noto, il decreto in vigore vieta di uscire dal proprio Comune il 25 e 26 dicembre ed il 1° gennaio. Nulla è vietato, però, negli altri giorni. Il che significa che è possibile raggiungere parenti o amici la sera della Vigilia, cioè il 24 dicembre (purché lo si faccia prima che scatti il coprifuoco delle 22), restare a dormire da loro un paio di giorni, passare Natale e Santo Stefano insieme, e tornare a casa il 27. Magari la sera, prima delle 22, visto che è domenica e si può sfruttare un’altra giornata in compagnia.

Stessa storia a Capodanno: si può andare da parenti e amici il 31, mangiare insieme cotechino e lenticchie, stappare la bottiglia a mezzanotte, cantare «pe-pe-peppepepé» a dovuta distanza e con la mascherina, dormire da loro, passare insieme la giornata del 1° dell’anno e, il 2 gennaio (oppure il 3, che è domenica), quando il divieto non ci sarà più, tornare a casa.

Queste, come detto, sono alternative legali ai divieti del Dpcm per poter passare Natale e Capodanno con parenti o amici, non certo dei consigli. Dimostrano, però, che il decreto è stato fatto con dei limiti facilmente aggirabili. Ciascuno potrà scegliere come comportarsi, a seconda delle proprie circostanze e di ciò che gli detta la propria coscienza, per passare delle feste nel modo più sereno possibile tutelando la salute di tutti e senza mettere a rischio nessuno.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. BUONGIORNO,
    c’è pero’ anche scritto che il 25-26 e 1 gen “è sempre consentito il rientro a casa”. quindi io il primo gennaio posso tornare a casa mia se la sera prima sono stato da un amico? e quindi andato il 31 dicembre quando è consentito lo spostamento, essendo io in regione gialla.
    Grazie

    1. Credo valga per chi è fuori sede, residenza o domicilio per comprovate esigenze, tipo lavoro o studio, non per chi era da parenti o amici, altrimenti tutti i giorni, anche in zona rossa o arancione, quando ci fermano, potremmo dire come scusa “sto tornando a casa” dato che il rientro è sempre garantito e non possono sapere dove eri e da quando (magari eri andato dai tuoi 2 settimane prima in zona gialla…). Interessa anche a me questo concetto ma temo che le mie conclusioni siano giuste.

      1. Scusate il DCPM chiede di stare a casa a Natale, Santo Stefano e Primo dell’Anno …. non il 24 o il 31 quindi se sono fuori comune il 24 e il 25 torno a casa per stare a casa come mi viene richiesto sto facendo quello che mi viene chiesto ….

  2. Complimenti, bel discorso tra truffatori, al limite dell’istigazione a delinquere.
    Si sta a casa perchè c’è un virus, per tutelare la salute di tutti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube