Cronaca | News

Covid: le Regioni che cambiano colore nel weekend

4 Dicembre 2020
Covid: le Regioni che cambiano colore nel weekend

La curva dei contagi continua a scendere. L’indice di trasmissione si abbassa sotto il valore di 1: l’obiettivo è stato raggiunto.

Bisognava abbassare l’Rt: missione compiuta. L’indice di riproduzione del Coronavirus non fa più paura: la media, a livello nazionale, è 0,91%.

Stando ai nuovi dati del report Istituto superiore di sanità (Iss) – ministero della Salute, sono pochissime le regioni che superano il valore 1. Ecco perché i rischi diminuiscono e si apre la possibilità, per molti territori, di passare dalla zona rossa all’arancione e dall’arancione al giallo.

I nuovi cambi di colore

Il ministro della Salute Roberto Speranza emanerà a breve un’ordinanza per ufficializzare i cambiamenti. Pare che il documento sarà già in vigore da domenica. Provocherà il passaggio in zona arancione di Campania, Valle D’Aosta, Toscana e Provincia di Bolzano, attualmente rosse, che si sommeranno alle già arancioni Calabria, Basilicata, Piemonte e Lombardia.

Resterebbe rossa soltanto l’Abruzzo, entrata per ultima in zona ad alto rischio. Alcune delle regioni che sono attualmente arancioni passeranno al giallo e cioè Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Puglia e Umbria, che si andranno ad aggiungere alle gialle Sicilia, Sardegna, Veneto, Liguria, Molise, Lazio e Provincia autonoma di Trento.

L’Rt nelle regioni

Ecco, nel dettaglio l’Rt regione per regione:

  • Molise 1,38;
  • Veneto 1,13;
  • Calabria 1,06;
  • Lazio 1,04;
  • Toscana 1,01;
  • Emilia-Romagna 0,99;
  • Lombardia 0,93;
  • Friuli 0,92;
  • Puglia 0,89;
  • Abruzzo 0,85;
  • Provincia di Trento 0,83;
  • Provincia di Bolzano 0,8;
  • Sicilia e Umbria 0,79;
  • Basilicata 0,76;
  • Marche 0,74;
  • Piemonte 0,72;
  • Liguria 0,68;
  • Sardegna 0,61.

Tre le regioni considerate a rischio alto di aumento dei contagi: si tratta di Calabria, Puglia e Sardegna. Ma quest’ultima soltanto «a titolo precauzionale in quanto non valutabile in modo attendibile per completezza dei dati». Nel complesso quasi tutte le regioni italiane sono classificate come a rischio moderato e due a rischio basso, Basilicata e Campania.

Riduzione generale del rischio, ma incidenza ancora alta

Nell’ultima settimana di novembre e l’inizio di dicembre «si osserva una riduzione generale del rischio complessivo», scrivono gli esperti. L’impatto sulla sanità è «elevato», ma la riduzione della trasmissibilità è un buon risultato, a conferma dell’«efficacia delle misure di mitigazione introdotte».

Ora che l’obiettivo Rt minore di 1 è raggiunto bisogna continuare a rispettare le precauzioni anti-Covid per ridurlo ulteriormente. «L’incidenza rimane ancora troppo elevata per permettere una gestione sostenibile – spiegano gli esperti di ministero e Iss -, pertanto è necessario raggiungere livelli di trasmissibilità significativamente inferiori a 1 su tutto il territorio nazionale consentendo una ulteriore diminuzione nel numero di nuovi casi di infezione e, conseguentemente, una riduzione della pressione sui servizi sanitari territoriali e ospedalieri».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube