Cronaca | News

Covid: l’antivirale che potrebbe bloccare il contagio

4 Dicembre 2020
Covid: l’antivirale che potrebbe bloccare il contagio

Uno studio dà speranze sulla possibilità di intervenire con una terapia farmacologica sui pazienti, riducendo il rischio di trasmissione del virus.

Buone notizie dalla Georgia State University. Un team di ricercatori dell’ateneo ha trovato il farmaco che potrebbe fare la differenza, nella sfida contro il Coronavirus. Si chiama Molnupiravir o Mk-4482/Eidd-2801.

È un nuovo antivirale, potenzialmente in grado di bloccare la trasmissione del Covid, quindi i contagi, almeno stando a quanto risulta dall’esperimento statunitense. Gli studiosi lo hanno testato su alcuni furetti positivi al virus, constatando molteplici effetti degni di nota.

Innanzitutto, il medicinale impedirebbe al paziente che ha contratto l’infezione di peggiorare, mettendo quindi un freno all’aggravarsi dei sintomi. Inoltre, diminuirebbe le probabilità di contagiare altre persone.

«Abbiamo notato subito che Mk-4482/Eidd-2801 ha un’attività ad ampio spettro contro i virus a Rna respiratorio e che il trattamento orale di animali infetti con il farmaco riduce la quantità di particelle virali emesse di diversi ordini di grandezza, riducendo drasticamente la trasmissione – ha spiegato Richard Plemper, professore alla Georgia State University e coordinatore dello studio -. Queste proprietà lo hanno reso un potente candidato per il controllo farmacologico del Covid-19».

A detta degli studiosi, i positivi cui venisse somministrato Molnupiravir cesserebbero di essere contagiosi in 24 ore. Il dato andrà però confermato da altri approfondimenti scientifici.

L’esperimento sui furetti è consistito nel mettere in una stessa gabbia i positivi che avevano preso il medicinale con dei furetti negativi. Questi ultimi, nonostante la vicinanza forzata per la ristrettezza di spazi, non sono stati contagiati, per effetto del farmaco somministrato ai furetti infetti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube