Cronaca | News

Covid: perché adesso ci sono più morti

5 Dicembre 2020 | Autore:
Covid: perché adesso ci sono più morti

I dati dimostrano un aumento notevole dei decessi al Centro e al Sud rispetto alla prima ondata. La curva non scenderà fino a Natale.

La scorsa primavera sembrava che il Covid ci avesse portato l’Apocalisse, invece, in questa seconda ondata, stiamo assistendo ad un’impennata del numero delle vittime mai vista in precedenza. In Italia, negli ultimi giorni, non si è mai scesi dagli 800 morti, con un picco, giovedì, di quasi un migliaio. Gli esperti dell’Università di Washington, in uno studio finanziato dalla fondazione di Bill e Melinda Gates, prevedono che la curva dei decessi comincerà a calare solo a ridosso del Natale, precisamente tra il 20 e il 23 dicembre. Fino ad allora, avvertono gli scienziati, l’andamento resterà praticamente piatto. Le previsioni, comunque, sono agghiaccianti: a fine gennaio, quasi un anno dopo l’inizio della pandemia, l’Italia potrebbe contare circa 90mila vittime. Significa che nell’arco di due mesi moriranno di coronavirus altre 30mila persone.

Il professor Graziano Onder, geriatra dell’ospedale Gemelli di Roma e responsabile di uno dei dipartimenti dell’Istituto superiore di sanità, ha già fatto notare che nel nostro Paese «il 90% dei morti sono “per” e non “con” Covid. Persone anziane e con più patologie uccise comunque dal virus. Da noi si vive a lungo, ma non in buona salute».

Secondo Onder, ed in base ai dati in suo possesso, «mediamente passano circa due settimane tra il tampone positivo e il decesso. Però è plausibile che in certi casi possa trascorrere anche un mese, come sostengono alcuni colleghi». Questo intervallo tra il tampone e la morte «non sta crescendo, cosa che dimostra come dal punto di vista delle terapie non sono stati fatti grandi progressi. Non ci sono antivirali che combattano il coronavirus». C’è, inoltre, un dato statistico, sottolinea il professore: «Adesso non si muore per Covid solo al Nord, come nella prima fase, ma anche al Centro e al Sud».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube