Diritto e Fisco | Articoli

Guida permessi retribuiti e non retribuiti

6 Dicembre 2020 | Autore:
Guida permessi retribuiti e non retribuiti

Brevi assenze dal lavoro per motivi personali, di famiglia, legge 104, donazione sangue e altre ragioni: come funzionano, quando sono pagate.

Il lavoratore dipendente, oltre alle ferie, può aver diritto ai permessi: si tratta di brevi assenze dal lavoro, previste, a seconda della motivazione, dalla legge o dal contratto collettivo.

In questa breve guida permessi retribuiti e non retribuiti riassumiamo le principali tipologie di assenze delle quali il dipendente può fruire, la retribuzione prevista e l’eventuale diritto all’accredito dei contributi.

Bisogna innanzitutto distinguere tra i permessi riconosciuti dalla legge per determinate ragioni, come quelli per l’assistenza di un familiare con handicap grave (permessi legge 104) e quelli spettanti a prescindere da una specifica motivazione, riconosciuti da contratto collettivo, in misura differente in base alle previsioni contrattuali, alle dimensioni dell’azienda, all’anzianità ed all’inquadramento del lavoratore, come i rol (riduzione orario di lavoro).

Ci sono poi i permessi ex festività, riconosciuti dalla generalità dei contratti collettivi in ragione dell’abolizione delle vecchie festività, come Corpus Domini e S. Giuseppe

Nelle aziende che si avvalgono della flessibilità, poi, i lavoratori possono fruire della cosiddetta banca ore: in parole semplici, le ore di lavoro extra sono accreditate in un conto individuale e possono essere utilizzate come permessi.

Ma procediamo con ordine e osserviamo schematicamente i principali permessi fruibili dal lavoratore, rinviando alla Guida permessi dal lavoro per maggiori dettagli.

Rol

I Rol sono i permessi per riduzione dell’orario di lavoro, previsti dal contratto collettivo applicato, che ha la possibilità di disciplinare una riduzione dell’orario di lavoro su base annua. Variano a seconda:

  • del contratto collettivo applicato;
  • delle dimensioni dell’azienda;
  • dell’anzianità lavorativa del dipendente;
  • dell’inquadramento del lavoratore.

Maturazione

Le ore di Rol utilizzate a titolo di permessi individuali, fatte salve le eccezioni stabilite dai contratti collettivi, maturano:

  • ogni mese interamente lavorato o con assenze retribuite;
  • nei mesi non lavorati interamente ma in cui risultano lavorate almeno 15 giornate.

Fruizione

Le ore di Rol possono essere fruite, nell’anno di maturazione:

  • individualmente, anche a gruppi di 4 o 8 ore su richiesta del singolo lavoratore;
  • collettivamente: con riduzione dell’orario giornaliero o settimanale per tutti i lavoratori.

I permessi non fruiti nell’anno di maturazione vengono pagati, oppure possono essere utilizzati entro il 30 giugno dell’anno successivo

Permessi ex festività

La generalità dei Ccnl compensa l’abolizione di 4 festività religiose (S. Giuseppe, Ascensione, Corpus Domini, SS. Pietro e Paolo) con permessi individuali retribuiti, pari ad un totale di 32 ore.

Maturazione

Le ore di permessi ex festività, fatte salve le eccezioni stabilite dai contratti collettivi, maturano:

  • ogni mese interamente lavorato o con assenze retribuite, in misura pari a 1/12 delle 32 ore;
  • nei mesi non lavorati interamente ma in cui risultano lavorate almeno 15 giornate.

Permessi per donatori di midollo

I permessi spettano ai lavoratori dipendenti iscritti nel Registro nazionale donatori di midollo osseo. Queste assenze:

  • sono retribuite;
  • hanno una durata pari:
    • al periodo di tempo che intercorre dal compimento delle operazioni preliminari necessarie alla donazione fino al completo ripristino dello stato fisico, accertato dall’equipe medica;
    • al tempo necessario al compimento delle operazioni di accertamento, nel caso in cui la donazione non venga effettuata perché il lavoratore risulta inidoneo.

La donazione:

  • non ha limiti di quantità;
  • deve essere a titolo gratuito;
  • deve essere volontaria;
  • deve essere effettuata presso strutture ospedaliere o centri sanitari autorizzati.

Permessi per donazione di sangue

I permessi spettano ai donatori di sangue ed emocomponenti. Questi permessi per donazione sangue:

  • hanno una durata:
    • pari all’intera giornata in cui si compie la donazione;
    • pari all’intervallo di tempo di permanenza presso il centro trasfusionale e di spostamento alla sede di servizio, se il lavoratore è giudicato inidoneo;
  • sono retribuiti (diritto alla retribuzione che sarebbe stata corrisposta per le ore non lavorate).

La donazione:

  • deve essere effettuata nel quantitativo minimo di 250 grammi;
  • deve essere a titolo gratuito;
  • deve essere volontaria;
  • deve essere effettuata presso centri autorizzati del Ministero della Sanità, siano essi di raccolta fissa o mobile.

I lavoratori giudicati inidonei alla donazione hanno diritto alla retribuzione che gli sarebbe stata corrisposta per le ore non lavorate comprese nell’intervallo di tempo di permanenza presso il centro trasfusionale e di spostamento alla sede di servizio.

Permessi per lutto o grave malattia di un familiare

Se un familiare del lavoratore muore o si ammala gravemente, il dipendente ha diritto a permessi retribuiti:

  • sino a un massimo di 3 giorni;
  • fruibili anche in modo frazionato

Il familiare deve essere:

  • un parente entro il secondo grado;
  • un componente della famiglia anagrafica.

Permessi per cure

Gli invalidi in misura superiore al 50% possono ottenere dei permessi per le cure relative alle infermità possedute (ad esempio fisioterapia, riabilitazione dei cardiopatici, etc.):

  • pari ad un massimo di 30 giorni l’anno;
  • retribuiti con un’indennità, a carico del datore di lavoro, calcolata secondo le regole dell’indennità di malattia.

Permessi per cariche pubbliche

Possono fruire di permessi, retribuiti o non coperti da retribuzione, i lavoratori chiamati a svolgere funzioni di:

  • consiglieri di parità;
  • amministratori e componenti delle giunte ed organi esecutivi degli enti locali:
    • per la partecipazione alle sedute;
    • per l’espletamento del mandato in funzione della carica ricoperta.

Possono richiedere, in alternativa, un periodo di aspettativa non retribuita per tutto il periodo di espletamento del mandato:

  • sindaci e presidenti delle province;
  • presidenti dei consigli comunali e provinciali, delle aree metropolitane, comunità montane e delle unioni di comuni;
  • membri delle giunte di comuni e province;
  • consiglieri di parità nazionali;
  • membri del Parlamento nazionale;
  • membri del Parlamento europeo.

Permessi legge 104

Il lavoratore con handicap grave, o che assiste un familiare portatore di handicap grave, ai sensi della legge 104, può fruire di permessi mensili retribuiti:

  • pari a 3 giorni mensili;
  • frazionabili anche a ore;
  • pari a 2 ore al giorno (un’ora se l’orario giornaliero è inferiore alle 6 ore), per il solo lavoratore disabile.

In alternativa, il lavoratore con un figlio con handicap in situazione di gravità può fruire di permessi orari giornalieri per l’assistenza, se il figlio è minore di 3 anni, o del prolungamento del congedo parentale, se il figlio è minore di 12 anni

Per approfondire: Permessi legge 104.

Permessi elettorali

I lavoratori chiamati a svolgere funzioni in tutte le consultazioni elettorali disciplinate da leggi nazionali o regionali hanno diritto a permessi:

  • per tutta la durata delle consultazioni elettorali;
  • pagati con l’ordinaria retribuzione.

Se le giornate trascorse ai seggi sono festive o non lavorative, il dipendente ha diritto:

  • a quote aggiuntive della retribuzione;
  • in alternativa, al riposo compensativo.

Permessi sindacali

I dirigenti delle rappresentanze sindacali aziendali hanno diritto a permessi retribuiti:

  • in base alle dimensioni dell’unità produttiva;
  • per lo svolgimento del mandato sindacale.

i dirigenti sindacali provinciali e nazionali hanno diritto a permessi retribuiti:

  • per la partecipazione alle riunioni in qualità di componenti di organi direttivi a livello provinciale e nazionale.

I lavoratori chiamati a ricoprire cariche sindacali possono richiedere inoltre:

  • un periodo di aspettativa non retribuita;
  • pari alla durata del mandato per la carica ricoperta

Permessi studio

I lavoratori possono fruire di permessi studio:

  • per completare cicli scolastici;
  • per frequentare corsi di formazione

Le agevolazioni nello svolgimento della prestazione lavorativa variano a seconda del titolo di istruzione da perseguire e della tipologia di formazione da svolgere.

Sono i singoli contratti collettivi a regolamentare modalità e quantità dei permessi studio e dei congedi per la formazione.

Permessi non retribuiti per motivi personali

Molti contratti collettivi prevedono la concessione di permessi per motivi personali, solitamente non retribuiti:

  • Ccnl Alimentare ed Autotrasporto:
    • brevi permessi per giustificati motivi, con facoltà per l’azienda di non corrispondere la retribuzione;
  • solo Ccnl Autotrasporto:
    • 20 ore di permessi annui non retribuiti;
    • 10 ore retribuite per l’effettuazione di esami clinici e visite specialistiche;
  • Ccnl Calzature: brevi permessi per assentarsi dall’azienda durante l’orario di lavoro per giustificati motivi;
  • Ccnl Carta: brevi permessi per motivi personali e familiari, con facoltà per l’azienda di non erogare la retribuzione;
  • Ccnl Chimica:
    • aspettativa per necessità personali comprovate;
    • brevi permessi non retribuiti per giustificati motivi;
    • brevi permessi per assistere figli di età inferiore a 6 anni (non disabili), per esigenze familiari in genere e per lavoratori provenienti da Paesi extraeuropei che debbano rimpatriare per gravi motivi familiari;
  • Ccnl Gomma/Plastica: permessi non retribuiti- aspettativa per motivi personali o familiari;
  • Ccnl Grafica /Editoria: brevi permessi per motivi personali o familiari, compatibilmente con le esigenze aziendali;
  • Ccnl Legno /Arredamento: 3 giorni complessivi di permesso retribuito, per decesso o grave infermità del coniuge, di un parente entro il 2° grado, anche non convivente, o di un componente della famiglia anagrafica del dipendente;
  • Ccnl Metalmeccanica:
    • brevi permessi non retribuiti per motivi personali in genere;
    • 3 giorni complessivi di permesso retribuito (anche frazionabile) per decesso o documentata grave infermità del coniuge, di un parente entro il 2° grado, anche non convivente, o di un componente della famiglia anagrafica del dipendente;
  • Ccnl Terziario Confcommercio:
    • 3 giorni complessivi di permesso retribuito (anche frazionabile) per decesso o documentata grave infermità del coniuge, di un parente entro il 2° grado, anche non convivente, o di un componente della famiglia anagrafica del dipendente;
    • aspettativa non retribuita sino a 2 anni, per gravi motivi familiari, relativi alla situazione personale, della propria famiglia anagrafica e dei soggetti previsti dal Codice civile anche se non conviventi, nonché dei portatori di handicap, parenti o affini entro il 3° grado, anche non conviventi;
  • Ccnl Turismo: congedo straordinario retribuito fino a 5 giorni per disgrazia a familiari o per gravi calamità e permessi di breve durata per motivi personali in genere.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube