Colf e badanti: cosa bisogna pagare entro fine anno

7 Dicembre 2020 | Autore:
Colf e badanti: cosa bisogna pagare entro fine anno

Tredicesima e festività di dicembre: come vanno calcolate per i lavoratori domestici. Da considerare anche la gestione annuale del Tfr.

Il Natale e la fine dell’anno sono alle porte ed i lavoratori domestici avranno diritto questo mese a qualcosa in più rispetto agli altri mesi: tredicesima, festività, rivalutazione del Tfr.

Per quanto riguarda la tredicesima di colf e badanti, il contratto nazionale del lavoro domestico prevede il versamento della mensilità extra in occasione del Natale e, comunque, entro la fine del mese. Il calcolo dell’importo è basato sulla retribuzione globale di fatto, comprese le indennità sostitutive di vitto e alloggio. Chi non è ancora in servizio da un anno avrà diritto a tanti dodicesimi della mensilità quanti sono i mesi lavorati. Ad esempio, chi ha iniziato a marzo, avrà una tredicesima pari a dieci dodicesimi della retribuzione.

La fine dell’anno è anche l’occasione per verificare il trattamento di fine rapporto, cioè il Tfr. Viene calcolato dividendo l’importo delle mensilità percepite durante l’anno (includendo sempre le indennità di vitto e alloggio) per il coefficiente fisso 13,5. Va ricordato che c’è una rivalutazione del Tfr maturato in base all’indice di aumento del costo della vita rilevato dall’Istat.

Capitolo feste. A dicembre non mancano. Ce ne sono almeno tre, oltre a quella del Santo patrono della città in cui si lavora se cade in questo mese, ovvero: l’Immacolata (8 dicembre), Natale (il 25) e Santo Stefano (il 26, che quest’anno è un sabato). Se il rapporto di lavoro è a ore, queste festività vanno pagate sulla base della retribuzione oraria pareggiata a 1/6 dell’orario settimanale, indipendentemente dal fatto che colf o badanti lavorino effettivamente in quei giorni. Ma se ciò dovesse succedere, cioè se ci fosse la prestazione lavorativa l’8, il 25 e il 26 dicembre, oltre al normale stipendio, bisogna prevedere una maggiorazione del 60% sulle ore lavorate.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube