Politica | News

Governo in bilico: cosa succederà oggi in Parlamento

9 Dicembre 2020 | Autore:
Governo in bilico: cosa succederà oggi in Parlamento

La riforma del Mes al voto di Camera e Senato. Renzi ancora smarcato: scioglierà la riserva solo dopo il discorso di Conte.

La giornata cruciale per il Governo inizia alle 9 del mattino alla Camera e si complica alle 16 al Senato. In questo doppio appuntamento parlamentare, Giuseppe Conte deve affrontare i fantasmi del suo Governo e scoprire quanto margine di sopravvivenza ha. Al centro del dibattito nelle Aule, la riforma del Mes, il Fondo Salva Stati che verrà votato oggi e che rischia di mettere a repentaglio la continuità della legislatura. I primi segnali incoraggianti per Conte sono arrivati ieri, ma resta ancora qualche ombra.

Il Movimento 5 Stelle ha deciso di sotterrare – per ora – l’ascia di guerra. Anche il gruppo di dissidenti che minacciava di votare contro, e quindi di sottrarre i numeri necessari per tenere il Governo in maggioranza nelle Camere, sembra essere tornato sui propri passi ed annuncia che voterà con il resto del gruppo parlamentare. Un sospiro di sollievo che si alterna, però, con l’apnea causata dalla posizione di Italia Viva, ai ferri corti con il resto del Governo. Ieri, Matteo Renzi era stato perentorio: «Chi pensa che io stia scherzando, non mi conosce affatto», aveva commentato l’ex premier. Oggi, dimostrerà se vuole andare fino in fondo nel tentativo di difendere quelle che per lui sono questioni di principio sulla gestione dei soldi europei.

Italia Viva non ha firmato ancora alcun accordo sulla risoluzione di maggioranza che verrà votata oggi alla Camera e al Senato. Ed è qui, a Palazzo Madama, dove Conte rischia di più, per una questione numerica. Renzi ha detto chiaramente che prima di decidere se appoggerà la linea del premier o se sposerà quella dell’opposizione vuole sentir parlare il premier, sapere che cosa ha da dire: «Ci aspettiamo – fanno sapere i fedelissimi di Renzi – che il premier non chiuda al Mes sanitario e che non confonda il tema della riforma del Mes con quello della governance del Recovery che in queste ore ci divide».

Il futuro di Conte, dunque, oggi è nelle mani di Matteo Renzi. Il centrodestra voterà compatto contro la risoluzione della maggioranza, dopo il ripensamento di Forza Italia sul Mes (i berlusconiani potrebbero anche disertare il voto) e l’annuncio, arrivato nelle scorse ore, del movimento di Giovanni Toti. La posizione dei forzisti, dunque, sarà questa: sì al Mes sanitario da 37 miliardi, no alla riforma del Fondo che ancora ieri Silvio Berlusconi ha definito «un meccanismo tecnocratico: non intendiamo votare una riforma che conferisca a Francia e Germania il diritto di veto sui finanziamenti del Mes agli altri Paesi, Italia compresa».

In questo contesto, Renzi resta l’ago della bilancia, insieme a qualche irriducibile pentastellato (non dovrebbero essere più di quattro o cinque, che verrebbero espulsi immediatamente se votassero contro il Movimento). L’appuntamento più delicato, come detto, quello del pomeriggio al Senato. Se non si ottiene un distacco dall’opposizione di almeno una ventina di voti, Conte può cominciare a pensare seriamente di avere un grosso problema.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube