Diritto e Fisco | Articoli

Come recuperare i contributi versati?

9 Dicembre 2020 | Autore:
Come recuperare i contributi versati?

Versamenti non sufficienti per il diritto alla pensione: il lavoratore può richiederli indietro all’ente previdenziale?

I cosiddetti contributi silenti costituiscono un grave problema per molti lavoratori, alla fine della carriera: si tratta di versamenti eseguiti nel corso della vita lavorativa, all’Inps o ad altri enti previdenziali, che però non sono utili per conseguire la pensione in quanto insufficienti. Pensiamo al caso del lavoratore che compie 67 anni, età pensionabile valida presso la generalità delle gestioni amministrate dall’Inps: se questo lavoratore non raggiunge contemporaneamente almeno 20 anni di contributi (15 anni solo in rare eccezioni) non consegue il diritto alla pensione, anche se, per assurdo, ha alle spalle 19 anni di accrediti.

Ma come recuperare i contributi versati? E, soprattutto, la restituzione dei contributi che non danno luogo a pensione è consentita? La risposta dipende dall’ente previdenziale presso il quale è iscritto l’interessato. Ad oggi, la generalità delle gestioni previdenziali Inps non consente il recupero dei contributi non utilizzati per la pensione.

La giurisprudenza [1] sostiene che il comportamento dell’Inps sia legittimo, in quanto i contributi versati, anche se in concreto non danno luogo a un trattamento pensionistico, sono comunque potenzialmente utili alla pensione. L’iscritto, difatti, potrebbe ottenere la pensione aggiungendo altri versamenti, ad esempio riscattando periodi scoperti oppure versando i contributi volontari.

Ci sono comunque alcune casse professionali, cioè gestioni di previdenza dei liberi professionisti, che consentono la restituzione dei contributi qualora ci si cancelli dall’albo e dall’ente, a determinate condizioni: consentono la restituzione, ad esempio, la cassa dei dottori commercialisti e quella dei ragionieri.

In ogni caso, bisogna ricordare che i contributi non utili alla pensione, per esempio quelli versati erroneamente o in eccedenza, entro un determinato termine di prescrizione possono essere rimborsati dall’Inps. Ma procediamo con ordine.

Quando si possono recuperare i contributi Inps

Il lavoratore può chiedere il rimborso dei contributi Inps non utili alla pensione solo quando questi sono versati erroneamente (ad esempio, presso una gestione sbagliata o in assenza di rapporto di lavoro) o in eccedenza.

Attenzione, però: se la contribuzione è versata per un rapporto di lavoro inesistente ed è verificato il dolo dell’interessato, l’Inps annulla i contributi e non li restituisce.

Per quanto riguarda la contribuzione accreditata a favore del lavoratore dipendente, iscritto presso il Fpld (Fondo pensioni lavoratori dipendenti dell’Inps, la legge [2] stabilisce che i contributi non dovuti, versati in un periodo che precede di oltre 5 anni il momento dell’accertamento Inps, non vengono rimborsati ma sono validi ai fini del diritto alla pensione.

I contributi indebiti versati dagli artigiani, dai commercianti e dai liberi professionisti senza cassa non sono invece utilizzabili ai fini del diritto alla pensione, ma, salvo il caso di dolo, sono restituiti, senza interessi.

Per conoscere tutti i casi in cui l’Inps restituisce i versamenti non dovuti, vedi: Contributi non dovuti, tutte le ipotesi.

Quando si possono recuperare i contributi delle casse professionali

Alcune casse professionali consentono la restituzione dei contributi correttamente versati, ma che non hanno dato luogo a pensione.

La Cassa dei dottori commercialisti, ad esempio, restituisce i contributi:

  • in caso di cancellazione dalla cassa stessa;
  • entro 10 anni dalla ricezione della comunicazione di cancellazione da parte dell’ente;
  • agli iscritti che non hanno maturato il diritto alla pensione e che non hanno effettuato operazioni di ricongiunzione, cumulo o totalizzazione;
  • solo su richiesta.

Anche la Cassa dei ragionieri consente la restituzione dei contributi versati correttamente; in particolare, possono recuperare i contributi gli iscritti che abbiano compiuto almeno 65 anni di età e che cessino o siano cessati dall’iscrizione all’ente senza avere maturato i requisiti assicurativi per il diritto a pensione.

La Cassa dei consulenti del lavoro, invece, non consente la restituzione dei contributi regolarmente versati; la Cassa Forense la consentiva in passato, così come la Cassa degli ingegneri, Inarcassa, che non prevede più nel proprio statuto l’ipotesi del rimborso della contribuzione.

Per quanto riguarda gli avvocati la cui posizione previdenziale sia stata retroattivamente annullata, spetta la restituzione dei soli contributi soggettivi versati, ma non anche dei contributi integrativi [3], in quanto il fine di solidarietà che li caratterizza non viene meno per effetto della cancellazione dell’iscritto. In questo caso, comunque, parliamo di versamenti erronei, ad esempio in presenza una situazione di incompatibilità con l’iscrizione all’Albo degli avvocati, quindi di contributi inefficaci.

L’Enpap, cioè la cassa di previdenza degli psicologi, restituisce la sola contribuzione versata in eccedenza e non rimborsa i contributi in caso di cancellazione.

L’Enpam, cioè l’ente previdenziale dei medici, restituisce i contributi soltanto all’iscritto che, cancellandosi dall’Albo, non matura il diritto a pensione al raggiungimento del 68° anno di età. La restituzione consiste in un’indennità una-tantum costituita dall’88% dei contributi versati maggiorati dagli interessi semplici, calcolati al tasso annuo del 4,50%.

Come rendere utilizzabili i contributi silenti Inps?

I contributi silenti, non sufficienti per il diritto a pensione, possono comunque diventare utilizzabili:

  • unendoli a nuovi contributi derivanti dal riscatto di periodi scoperti; qui una breve Guida al riscatto;
  • unendoli a nuovi contributi figurativi, non già accreditati d’ufficio; si può richiedere l’accredito dei contributi figurativi, qualora, nonostante l’interruzione del rapporto di lavoro, i periodi non contribuiti possano essere coperti dall’Inps ai fini della pensione; non tutti i contributi figurativi sono accreditati d’ufficio, alcuni lo sono su domanda, come i periodi di servizio militare o il periodo di maternità al di fuori del rapporto lavorativo;
  • unendoli ai versamenti presenti in altre casse attraverso la ricongiunzione o il computo (quest’ultimo è consentito solo presso la gestione Separata), oppure, ai soli fini del diritto a pensione, attraverso la totalizzazione o il cumulo.

Queste operazioni, ad ogni modo, sono utili per recuperare i contributi silenti solo qualora, uniti ai versamenti inutilizzabili, consentano di raggiungere il diritto a pensione.

Qualora i contributi versati siano insufficienti per ottenere una pensione autonoma, si può infine ottenere la pensione supplementare, cioè una pensione aggiuntiva: bisogna però essere già titolari di un trattamento pensionistico, per avvalersi di questa opportunità.

Inoltre, non tutte le gestioni presso cui si possiedono contributi silenti erogano la pensione supplementare: la possibilità di ottenere il trattamento aggiuntivo dipende sia dall’ente erogante, che dalla gestione che riconosce la pensione principale.


note

[1] Cass. sent. 3613/2002; C. Cost, sent. 307/1989; Cons. St. sent. 13/2006.

[2] Art. 8 DPR 818/1957.

[3] Cass. sent. 24141 del 30 ottobre 2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube