Cronaca | News

Vaccino anti-Covid: assunzioni in arrivo nella Sanità

10 Dicembre 2020 | Autore:
Vaccino anti-Covid: assunzioni in arrivo nella Sanità

Contratti pronti per medici, infermieri, assistenti e personale amministrativo. Si vuole partire da metà gennaio. Il piano di Arcuri.

Lo Stato si prepara ad assumere nuovo personale per la campagna di vaccinazione anti-Covid. Lo ha annunciato il commissario per l’emergenza, Domenico Arcuri. I contratti riguarderanno medici laureati, specializzandi, pensionati, infermieri, assistenti sanitari e personale amministrativo.

Nel piano di cui ha parlato Arcuri, l’équipe che somministrerà il vaccino sarà formata da un medico e quattro infermieri. Per le vaccinazioni a domicilio, è previsto l’impiego di un medico e un infermiere. Sono previsti dei turni sette giorni su sette, ad un ritmo di sei somministrazioni ogni ora. Con loro, ci saranno gli addetti all’accettazione, alla gestione degli approvvigionamenti e al coordinamento.

Nella seconda fase della campagna, quella più allargata a tutta la popolazione, sarà possibile fare il vaccino anche dal medico di famiglia, dal pediatra e in farmacia, oltre che dal personale del Servizio sanitario nazionale, secondo il commissario.

Sarà Arcuri a lanciare la chiamata per medici ed infermieri e per la selezione delle società con personale sanitario per la somministrazione del vaccino. Queste ultime dovranno presentare le loro offerte il 21 dicembre. I singoli medici ed infermieri, invece, potranno mandare le proprie candidature entro il 4 gennaio 2021. Le somministrazioni potrebbero iniziare a metà del mese prossimo.

L’intenzione è quella di assumere quasi 3.000 persone da impegnare già a gennaio. Da febbraio, ce ne vorranno altre 7.800 circa, 12.800 tra aprile e maggio e 15.500 dall’estate in poi.

L’Italia ha prenotato 202 milioni di dosi di vaccino che arriveranno nei prossimi 15 mesi, secondo le stime di Arcuri. «I vaccini della Pfizer – ha spiegato il commissario – saranno distribuiti dalla casa produttrice in 300 punti di somministrazione stabiliti con le Regioni. Quelli delle altre case saranno stoccati nell’hub di Pratica di Mare e lì, in condizioni di sicurezza, verranno portati in 1.550 punti di somministrazione per essere dati ai cittadini. Nei primi 300 presidi ospedalieri – ha aggiunto Arcuri – ci sarà la prima ondata di vaccinazione destinata al personale sanitario che lavora nelle strutture ospedaliere e Rsa, ospiti compresi, e poi alla popolazione in ordine anagrafico decrescente partendo dagli anziani e altre categorie importanti che sono esposte al contagio potenziale, come forze dell’ordine, detenuti, personale carcerario, chi lavora nei servizi pubblici essenziali e nella scuola».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube