Politica | News

Recovery Fund: raggiunto l’accordo sui fondi

10 Dicembre 2020
Recovery Fund: raggiunto l’accordo sui fondi

Vinte le resistenze di Polonia e Ungheria. I 209 miliardi di euro che l’Italia aspetta arriveranno. Una vittoria per l’Europa unita.

C’è l’accordo sul Recovery Fund. I veti di Polonia e Ungheria sono stati ufficialmente superati e il pacchetto di risorse approntato dall’Unione europea per uscire dalla crisi economico-pandemica può essere sbloccato. Questo significa che i fondi che dall’Europa arriveranno agli Stati membri per fronteggiare l’emergenza adesso non conoscono più alcun ostacolo.

La cifra, per l’Italia, ammonta a un tesoretto di 209 miliardi di euro. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in giornata, si era detto fiducioso che lo sblocco fosse questione di ore: «Ci sono segnali positivi per andare oltre i veti di Polonia e Ungheria», aveva dichiarato. Veti sul rispetto dello stato di diritto, che i due Paesi violano sistematicamente: non erano d’accordo a vincolare lo stanziamento dei fondi a questa clausola.

Segnali di disgelo si erano visti già ieri, dopo la notizia di un’intesa tra Berlino, Budapest e Varsavia. Oggi, in serata, l’annuncio ufficiale del presidente del Consiglio europeo Charles Michel: sì in Consiglio europeo al pacchetto Mff 2021-27 e Recovery Fund.

«Ora possiamo cominciare con l’attuazione e la ricostruzione delle nostre economie – ha scritto Michel sui social, a margine del vertice che avrà in agenda anche domani proprio i nodi spinosi del Recovery Fund e del Mes -. Il nostro monumentale pacchetto di ripresa guiderà la transizione verde e digitale».

Dunque, la condizionalità del rispetto dei diritti umani rimane inalterata e viene approvato il bilancio comunitario 2021-2027. Con un’iniezione di risorse economiche per porre un freno alla pandemia.

«L’Europa va avanti!», ha commentato, al colmo della soddisfazione, la presidente della Commissione europea, Ursula Von Der Leyen, «1.800 miliardi per alimentare la nostra ripresa e costruire una Ue più resiliente, verde e digitale – ha continuato -. Congratulazioni alla presidenza tedesca del Consiglio».

Entusiasta anche il premier Conte. «Questo significa poter sbloccare le ingenti risorse destinate all’Italia: 209 miliardi – ha twittato . Approvato anche il bilancio pluriennale. Ora avanti tutta con la fase attuativa: dobbiamo solo correre!».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube