Cronaca | News

Covid: le Regioni a rischio secondo l’Iss

11 Dicembre 2020
Covid: le Regioni a rischio secondo l’Iss

Notizie complessivamente buone dal report del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di sanità. Ma alcuni territori non sono ancora fuori pericolo ricaduta.

Veneto, Sardegna, Emilia Romagna, Puglia e Provincia autonoma di Trento. Sono le zone da tenere ancora d’occhio, secondo gli esperti. Vengono considerate complessivamente a rischio alto, nel nuovo resoconto sull’emergenza sanitaria in Italia, firmato dal ministero della Salute e dall’Istituto superiore di sanità (Iss).

Nella bozza del documento che contiene il monitoraggio della pandemia di Coronavirus dal 30 novembre al 6 dicembre si legge che la maggior parte delle regioni italiane sono a rischio moderato. E cioè: Abruzzo, Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Bolzano, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle D’Aosta.

Due, invece, sono a rischio basso: Basilicata e Molise. Nelle cinque elencate prima, invece, i contagi possono ancora sfuggire di mano. «Due delle cinque regioni classificate a rischio alto, Puglia e Sardegna, sono state classificate a rischio alto e/o equiparate a rischio alto per tre o più settimane consecutive; questo prevede specifiche misure da adottare a livello provinciale e regionale».

A livello generale, comunque, il quadro è tutt’altro che sconfortante. «Si continua a osservare una riduzione generale del rischio», spiegano gli esperti. Calano i ricoveri in terapia intensiva (dai 3.663 al primo dicembre ai 3.345 all’8 dicembre) e diminuisce anche la pressione sul sistema sanitario.

All’8 dicembre, «16 Regioni/Province autonome avevano superato almeno una soglia critica in area medica o terapia intensiva rispetto alle 18 della settimana precedente. Il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e aree mediche, però supera ancora le soglie critiche di occupazione a livello nazionale».

Iss e ministero sottolineano la difficoltà nel rendere le effettive proporzioni del fenomeno. È complicato «mantenere elevata la qualità dei dati, sia per tempestività sia per completezza». Le informazioni contenute nel report si riferiscono al periodo compreso tra il 30 novembre e il 6 dicembre. «Al momento è il dato consolidato più recente disponibile – spiegano gli esperti -. Questo può portare a una possibile sottostima della velocità di trasmissione e dell’incidenza». Incidenza che comunque resta alta, si avverte nel documento.

Tra il 23 e il 29 novembre si registravano 590.65 casi per centomila abitanti, ora siamo a 454,70, quantità comunque ritenuta elevata.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube