Diritto e Fisco | Articoli

Quali sono i requisiti per la pensione anticipata?

15 Dicembre 2020 | Autore:
Quali sono i requisiti per la pensione anticipata?

Pensionamento anticipato Fornero, quota 100, uscita a 64 anni, opzione donna, anzianità precoci, totalizzazione e cumulo: le condizioni richieste.

Con il termine «pensione anticipata» si intende un trattamento pensionistico che può essere ottenuto prima del compimento dell’età pensionabile, ossia prima del raggiungimento del requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia.

Ma quali sono i requisiti per la pensione anticipata? Non esiste un solo tipo di pensione anticipata, ma è possibile che siano riconosciuti trattamenti diversi in base alla gestione di previdenza a cui si è iscritti, alla categoria di appartenenza ed all’anzianità assicurativa. Ad esempio, solo coloro che risultano privi di contributi antecedenti al 1996, assieme ai lavoratori che si sono avvalsi del computo presso la gestione separata, possono accedere a una particolare tipologia di pensionamento anticipato, a soli 64 anni di età e con 20 anni di contributi.

Non bisogna confondere, poi, la pensione anticipata con i trattamenti di accompagnamento alla pensione, come Isopensione ed assegno straordinario. Questi sono difatti trattamenti indennitari, più simili agli ammortizzatori sociali per la disoccupazione che a una vera e propria pensione. Ne abbiamo parlato in Scivolo per la pensione.

Bisogna inoltre considerare che la pensione anticipata può essere ottenuta attraverso la sommatoria di contributi accreditati presso casse diverse: il cumulo [1] consente, per la precisione, di ottenere la pensione anticipata ordinaria Fornero, mentre la totalizzazione [2] permette di raggiungere una particolare pensione di anzianità con 41 anni di contributi. Entrambi gli strumenti permettono di sommare la contribuzione presente in fondi differenti ai fini del diritto alla pensione. Ma procediamo con ordine e riassumiamo quali sono i requisiti necessari per ottenere le varie tipologie di pensione anticipata.

Pensione anticipata ordinaria Fornero

La pensione anticipata ordinaria cosiddetta Fornero [3] è il trattamento che ha sostituito la precedente pensione di anzianità.

Ad oggi e sino al 2026, si ottiene con i seguenti requisiti:

  • 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini;
  • 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne;
  • l’attesa, a partire dalla maturazione dell’ultimo requisito, di 3 mesi di finestra per la decorrenza dell’assegno.

La pensione anticipata si può ottenere anche in regime di cumulo: attraverso questa misura, i requisiti contributivi per il trattamento possono essere raggiunti sommando la contribuzione accreditata presso gestioni diverse. Ogni gestione, però, liquida la propria quota di trattamento in modo autonomo.

Pensione anticipata precoci

I lavoratori precoci possono ottenere la pensione anticipata con un requisito contributivo più leggero, pari a soli 41 anni di contributi.

Il beneficio è riservato a coloro che risultano in possesso di contribuzione antecedente al 1996 e che possiedono almeno 12 mesi di contributi da effettivo lavoro accreditato prima del compimento del 19° anno di età.

Inoltre, è necessaria l’appartenenza alle seguenti categorie: disoccupati di lungo corso, caregiver, invalidi dal 74%, addetti ai lavori usuranti, ai turni notturni ed ai lavori gravosi. Per approfondire, leggi: Pensione anticipata per lavoratori precoci.

Anche questo trattamento, così come la pensione anticipata ordinaria, può essere ottenuto in regime di cumulo e necessita di una finestra di attesa paria 3 mesi. La pensione è incompatibile con i redditi di lavoro fino alla maturazione dei requisiti per la pensione anticipata ordinaria, cioè fino a un massimo di 10 mesi per le donne e di un anno e 10 mesi per gli uomini.

Pensione anticipata a 64 anni

I lavoratori privi di contributi alla data del 31 dicembre 1995, così come gli optanti per il computo presso la gestione separata (ossia per far confluire tutti i contributi posseduti presso le varie casse dell’Inps verso questa gestione, gratuitamente), possono ottenere la pensione anticipata contributiva con:

  • un minimo di 64 anni di età;
  • un minimo di 20 anni di contributi;
  • importo della pensione almeno pari a 2,8 volte l’assegno sociale.

La pensione è calcolata col sistema interamente contributivo: questo sistema di calcolo si basa sui versamenti accreditati e sull’età al momento del pensionamento, a differenza del sistema retributivo, basato sugli ultimi redditi e sui periodi contribuiti collocati entro determinati archi di tempo.

Pensione anticipata quota 100

La pensione anticipata con quota 100 è un trattamento sperimentale, che può essere ottenuto da chi raggiunge i seguenti requisiti entro il 31 dicembre 2020:

  • almeno 62 anni di età;
  • almeno 38 anni di contributi; per gli iscritti presso l’assicurazione generale obbligatoria ed alcuni fondi sostitutivi, è richiesto anche il possesso di 35 anni di contribuzione al netto dei periodi di disoccupazione indennizzata, malattia ed infortunio non integrati dal datore di lavoro.

È prevista l’attesa di una finestra pari a 3 mesi, 6 mesi per i dipendenti pubblici, tenuti anche a un preavviso pari a sei mesi da fornire all’amministrazione di appartenenza.

La pensione non determina l’applicazione di penalizzazioni, ma è incompatibile con i redditi di lavoro fino al compimento dei 67 anni di età, ossia dell’età richiesta per la pensione di vecchiaia ordinaria.

Pensione di anzianità opzione donna

L’opzione donna e una pensione di anzianità sperimentale, riservata alle sole lavoratrici iscritte all’Inps. In Base alle ultime modifiche apportate dalla legge di bilancio 2021, il trattamento si può ottenere:

  • se la lavoratrice dipendente, alla data del 31 dicembre 2020, ha compiuto 58 anni di età ed ha alle spalle 35 anni di contributi;
  • se la lavoratrice autonoma, alla data del 31 dicembre 2020, ha compiuto 59 anni di età ed ha alle spalle 35 anni di contributi.

Si applicano le finestre di attesa, pari a 12 mesi per le lavoratrici dipendenti ed a 18 mesi per le autonome.

In cambio del consistente anticipo nell’uscita dal lavoro, la lavoratrice accetta il ricalcolo della pensione col sistema interamente contributivo, che generalmente risulta penalizzante. Sono calcolati col sistema contributivo, dunque, anche i periodi precedenti al 1996.

Pensione di anzianità addetti ai lavori usuranti ed ai turni notturni

Gli addetti a specifici lavori, considerati particolarmente usuranti, tra cui anche i turni notturni per oltre 64 giornate all’anno, possono ottenere una pensione di anzianità agevolata con i seguenti requisiti:

  • 61 anni e 7 mesi di età;
  • 35 anni di contributi;
  • una quota minima, intesa come sommatoria del requisito di età e contributivo, pari a 97,6.

Lo svolgimento del lavoro usurante o dei turni notturni deve risultare effettuato per almeno metà della vita lavorativa, oppure per almeno 7 anni nell’ultimo decennio.

I requisiti sono aumentati per coloro che hanno svolto meno di 78 notti all’anno, nonché per coloro che possiedono anche contribuzione previdenziale derivante dallo svolgimento di lavoro autonomo. Per approfondire: Pensione addetti ai lavori usuranti e notturni

Pensione di anzianità totalizzazione

Il lavoratore può ottenere la pensione di anzianità in regime di totalizzazione, sommando i contributi accreditati presso casse diverse, se possiede 41 anni di contributi complessivi.

È necessaria l’attesa di una finestra pari a 21 mesi. Normalmente, le casse applicano il ricalcolo contributivo dell’assegno.


note

[1] Art.1, Co. 239 e ss., L. 228/2012.

[2] D.lgs. 42/2006.

[3] Art.24 Co. 10 DL 201/2011.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube