Cronaca | News

Natale: verso il lockdown nazionale

14 Dicembre 2020 | Autore:
Natale: verso il lockdown nazionale

Al vertice con Governo e maggioranza, il Cts chiede un nuovo giro di vite e misure molto severe per tutto il periodo delle feste. Ipotesi zona rossa per tutti.

Un Natale blindato. È la richiesta avanzata dal Comitato tecnico scientifico durante il vertice di oggi con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ed i capi delegazione delle forze di maggioranza in cui si decidono le misure anti-Covid da osservare durante le festività.

Secondo il Cts, «un nuovo giro di vite è inevitabile e su questo sono tutti d’accordo» per evitare una terza ondata di contagi e di decessi a gennaio. Si va, dunque, verso il lockdown nazionale sul modello imposto in Germania da Angela Merkel, con tutta l’Italia tinta di rosso. Anche se ancora c’è la possibilità che si decida per una grande zona arancione che salvi, almeno, i negozi.

Il periodo interessato sarebbe quello dal 24 al 27 dicembre, dal 31 dicembre al 3 gennaio ed i giorni 5 e 6 gennaio. Ma non si esclude che la serrata inizi da questo sabato, 19 dicembre, per evitare esodi di massa anticipati.

Nel caso in cui venga ufficializzata la zona rossa per l’intero Paese, sarebbero vietati gli spostamenti dalla propria abitazione se non per motivi di impellente necessità (lavoro, salute, comprovata urgenza), lasciando, però, la possibilità di partecipare ai riti religiosi. Bar, ristoranti e negozi resterebbero chiusi nei periodi indicati.

Se, invece, si decidesse di istituire una zona arancione nazionale, l’unica cosa che cambierebbe sarebbe l’apertura dei negozi. Ci si potrebbe muovere soltanto all’interno del proprio Comune.

Tuttavia, è allo studio del Governo la deroga per gli spostamenti tra piccoli centri i giorni 25 e 26 dicembre ed il 1° gennaio. Con limiti sia sulla base del numero di abitanti (forse non oltre i 5.000) sia su quella della distanza da percorrere. Italia Viva e Lega chiedono di potersi muovere in un raggio massimo di 30 chilometri. Conte potrebbe abbassare la soglia a 10 o 20 chilometri. L’ala dura del Governo, cioè il Pd ed il ministro della Salute Roberto Speranza vorrebbero accorciare ancora di più le distanze.

E su questo si spera che il Governo sia chiaro. Che dica chiaramente se, ad esempio, negli ipotetici 30, 20 o 10 chilometri che siano ci si potrà spostare da un piccolo Comune ad una qualsiasi città (purché si resti nel raggio stabilito) o se sarà possibile soltanto partire da un piccolo centro per raggiungere un altro piccolo centro. Per fare un esempio: da un paesino isolato con 1.000 anime si può andare nel capoluogo di provincia che dista appena 6 chilometri ma fa 100mila abitanti? Oppure la destinazione dovrà essere, per forza, un altro piccolo centro sotto i 5.000 abitanti (sempre che sia questa la soglia stabilita)?

Altra questione che verrà decisa nelle prossime ore è quella del coprifuoco. Nelle intenzioni di chi vuole norme più severe per il periodo natalizio c’è l’anticipo dell’orario entro il quale si deve tornare a casa: non più alle 22 ma alle 20, se non addirittura alle 18. Questo per evitare cenoni, feste organizzate nelle abitazioni private, assembramenti vari. Il verdetto sta per arrivare.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Lockdown solo nei giorni festivi….e beh certo perché poi dovrebbe cacciare i soldi lo stato per mantenere tutti i lavoratori in caso di un lockdown totale. Speriamo che il buon Renzi faccia saltare il governo.

  2. e ti pareva… non solo provano a bloccare le cure efficaci già esistenti da mesi (plasma iperimmune, idrossiclorochina ecc…) per farci credere erroneamente che l’unica soluzione è la vaccinazione di massa, continuando a nascondere che sono stati smentiti recentemente dal consiglio di stato che ha riabilitato le cure, un altra pessima figura di questo governo indecente… in più continuano a “distruggere” anche l’economia in uno dei periodi più proficui dell’anno… una vera follia, invece i negozi andrebbero tenuti quasi sempre aperti ma al massimo vanno regolamentati gli ingressi se non si vuole fare assembramenti, ci vuole solo un pò di buona volontà e organizzazione qualità che a quanto sembra non esistono in chi ci governa… in pratica sono riusciti a rovinarci anche le feste di natale… abbiamo fatto proprio bene a festeggiare il natale con tutti i parenti con largo anticipo la settimana scorsa, basta avere un minimo di flessibilità mentale, ogni giorno può essere natale, così abbiamo evitato tutte queste inutili seccature ed eventuali controlli… Alla faccia vostra abbiamo festeggiato più degli altri anni, BUON NATALE!!! AUGURI!!!

  3. Come al solito i pecoroni itali-ANI continuano a dormire davanti ai tiggì della DISINFORMAZIONE, forse non è ancora chiaro che tutto questo teatrino del virus del raffreddore ha il solo e ultimo fine di cippare tutti col vaccino killer! Buona morte a tutti i lobotomizzati e creduloni!

Rispondi a Giovanni Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube