Covid: più soldi alle partite Iva

15 Dicembre 2020 | Autore:
Covid: più soldi alle partite Iva

Arrivano nella legge di Bilancio la decontribuzione totale per un anno ed un nuovo ammortizzatore sociale per gli autonomi con redditi bassi.

È il momento di pensare anche ai lavoratori autonomi. Il Governo sta mettendo a punto un pacchetto di nuovi aiuti per le partite Iva, all’interno della legge di Bilancio che, tra le altre cose, conterrebbe una novità assoluta: per la prima volta in Italia, potrebbe essere introdotta una sorta di ammortizzatore sociale per gli iscritti alla gestione separata dell’Inps. Inoltre, si prevede un periodo di decontribuzione totale.

Partiamo proprio da qui. È Luigi Di Maio ad annunciare su Facebook la volontà del Governo di escludere per un anno dal versamento dei contributi minimi gli autonomi con ricavi o compensi inferiori a 50mila euro. Idea che l’opposizione non solo accoglie con favore ma rivendica come sua.

Accanto a questo intervento, c’è quell’altro, in un certo senso più rivoluzionario, anticipato dal viceministro dell’Economia Antonio Misiani e che, anche in questo caso, potrebbe godere del favore di maggioranza e opposizione. Si tratta dell’indennità straordinaria di continuità reddituale ed operativa (Iscro) per gli autonomi iscritti alla gestione separata dell’Inps che hanno avuto una diminuzione del reddito pari o superiore al 50% a causa dell’emergenza Covid. Il riferimento per calcolare la decurtazione è quello della media dei redditi realizzati nei tre anni che precedono la presentazione della domanda. Il reddito dichiarato non dovrà superare gli 8.145 euro.

Si parla, dunque, di circa 300mila autonomi che, oltre ai requisiti citati, devono essere iscritti alla gestione separata Inps da almeno tre anni durante i quali non deve essere stata cessata la loro partita Iva.

L’emendamento presentato alla legge di Bilancio ipotizza un importo pari al 50% della differenza tra la media del reddito dei tre anni precedenti a quello in cui si verifica la diminuzione e il reddito dell’anno precedente alla presentazione della richiesta. Ad ogni modo, la cifra non potrà superare i 6.516 euro in sei mensilità. Il sussidio non è cumulabile con il Reddito di cittadinanza e potrebbe comportare l’obbligo di seguire un percorso di aggiornamento professionale. Infine, non concorre alla formazione del reddito ed è esentasse.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube