Cronaca | News

Covid: si stringono i tempi per il vaccino

15 Dicembre 2020
Covid: si stringono i tempi per il vaccino

L’Europa accelera. Il parere dell’Agenzia del farmaco (Ema) sul siero anti-Covid Pfizer/BionTech arriverà prima del previsto.

L’ok al vaccino anti-Coronavirus che si sta già somministrando in Gran Bretagna si discuterà prima di Natale. L’Agenzia europea del farmaco (Ema) aveva fissato la riunione decisiva per il 29 dicembre. È stata anticipata al 21.

Il pressing è perlopiù tedesco: è stata la Germania di Angela Merkel a insistere affinché l’Ema si esprimesse prima sul vaccino dell’americana Pfizer e della tedesca BionTech, in modo da chiudere la pratica entro il 23 dicembre e iniziare la somministrazione già quest’anno, senza aspettare il 2021.

L’approvazione di Stati Uniti e Regno Unito è già arrivata. L’agenzia europea ha in mano tutti i dati richiesti, compresi quelli aggiuntivi che il Comitato Ema per i medicinali a uso umano aveva voluto visionare.

«Che bisogno c’è di aspettare il 29 dicembre?», ha detto il presidente della società degli ospedali tedesca, Gerald Gass, intervistato dall’autorevole quotidiano Bild.

Dunque, come spiegato in una nota dell’Ema, «il 21 dicembre è stata programmata una riunione straordinaria per arrivare a una conclusione se possibile». Se l’incontro non dovesse bastare, verrà mantenuta in calendario anche la riunione del 29. Ma l’intenzione è quella di accelerare.

Anche l’Italia, tramite il ministro della Salute Roberto Speranza, spinge affinché la tempistica sia ancora più breve. «Il mio auspicio è che l’Ema, nel rispetto di tutte le procedure di sicurezza, possa approvare il vaccino Pfizer Biontech in anticipo rispetto a quanto previsto e che al più presto le vaccinazioni possano iniziare anche nei Paesi dell’Unione Europea», ha detto Speranza.

Domani, intanto, Speranza, insieme al ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, al commissario straordinario Domenico Arcuri e al capo della protezione civile Angelo Borrelli, sarà impegnato nell’ultima riunione sul piano vaccini italiano.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube