Cronaca | News

Covid: si insiste sulla linea dura a Natale

15 Dicembre 2020
Covid: si insiste sulla linea dura a Natale

Gli esperti vedono profilarsi di nuovo l’incubo del lockdown e insistono sull’importanza di fare sacrifici.

Tornano gli appelli alla responsabilità per evitare il peggio. Dal direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippoliti, che oggi ha parlato di «rispetto e coscienza civile necessari» se non si vuole piombare nella terza ondata, a Gianni Rezza, numero uno del dipartimento Prevenzione al ministero della Salute.

Il suo punto di vista è emblematico della cosiddetta linea rigorista contro la pandemia, che infatti ha uno dei suoi rappresentanti più determinati nel ministro della Salute Roberto Speranza. E mentre, nel Governo, per il periodo natalizio, c’è chi vorrebbe al massimo una zona arancione nazionale (da notare come fino a non molti giorni fa si parlasse della zona gialla nazionale, cioè quella di minor rischio), Rezza oggi è tornato ad agitare lo spettro dell’Italia blindata.

«Se i sacrifici chiesti ora verranno ripagati dal fatto che non sarà necessario un lockdown è importante farli», ha detto, alla conferenza stampa per fare il punto sull’andamento dell’epidemia in Italia.

Oggi, è stata un’altra giornata da bollino nero per quanto riguarda le vittime del Covid. «Contiamo quasi 900 morti nelle ultime ventiquattr’ore, non possiamo prenderla a cuor leggero – ha proseguito Rezza -. Se ne avessimo 1.550 perché magari non si prende alcun provvedimento, alla fine saremo costretti a fare il lockdown. È quello che assolutamente si vuole evitare, perché si hanno a cuore i singoli, le famiglie e l’economia di questo Paese».

Rezza, inoltre, ha sottolineato una tendenza, che spiega bene perché dalle parti del ministero della Salute si è a favore della linea dura. «La situazione italiana mostra chiaramente un meccanismo: quando allentiamo le misure i casi vanno su, quando le restringiamo riusciamo nel giro di qualche settimana a ottenere risultati in termini di riduzione di positivi e casi».

Il direttore del dipartimento ministeriale della Prevenzione si è anche soffermato sulle scuole, affermando che, con l’incidenza dei casi ancora alta, così come il numero dei morti, è troppo presto per dire se riapriranno il 6 gennaio. Quanto al vaccino, ha precisato che all’inizio non sarà per tutti, ma verrà somministrato a fasce di popolazione considerate più a rischio, come gli anziani e il personale sanitario.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube