Diritto e Fisco | Articoli

Chi consegna l’avviso di garanzia?

14 Marzo 2021 | Autore:
Chi consegna l’avviso di garanzia?

Informazione di garanzia: chi procede alla notifica degli atti giudiziari penali? Quali sono i diritti dell’indagato?

La legge assicura una serie di garanzie alla persona sospettata di avere commesso un crimine. Tra i diritti dell’indagato/imputato vi è quello di essere portato a conoscenza del reato che gli viene addebitato e di poter scegliere il proprio difensore di fiducia. Tutte queste informazioni, e molte altre, sono contenute nell’informazione di garanzia, cioè nell’atto che la Procura della Repubblica fa recapitare alla persona indagata e con cui la informa che c’è un procedimento penale a suo carico.

Chi consegna l’avviso di garanzia? Prima di rispondere a questa domanda, dobbiamo spiegare in cosa consiste l’informazione (o avviso) di garanzia e cosa c’è scritto al suo interno. Sin da subito, possiamo affermare che l’avviso di garanzia, contrariamente a quanto pensano in molti, non è un atto strettamente necessario: la Procura, infatti, potrebbe omettere l’invio di questo documento. Per legge, l’avviso di garanzia va consegnato solamente se si deve procedere a un atto d’indagine per cui è necessaria la presenza dell’avvocato, come ad esempio la perquisizione o l’interrogatorio. Se l’argomento ti incuriosisce, prenditi cinque minuti di tempo e prosegui nella lettura: vedremo insieme cos’è l’informazione di garanzia e chi la consegna all’indagato.

Informazione di garanzia: cos’è e in cosa consiste?

L’informazione (o avviso) di garanzia è l’atto che la Procura della Repubblica notifica alla persona sottoposta a indagini. All’interno del documento, sono indicati i principali diritti dell’indagato, tra cui spicca quello alla nomina di un difensore di fiducia.

Detto in altre parole, l’avviso di garanzia non è altro che un documento che viene consegnato alla persona sottoposta alle indagini preliminari della Procura della Repubblica. Il suo scopo principale è quello di informare l’indagato della sua qualità, del reato per cui si sta investigando e del diritto dello stesso a procedere alla nomina di un avvocato di fiducia.

Avviso di garanzia: quando viene consegnato?

Come anticipato in premessa, l’avviso di garanzia è obbligatoriamente consegnato all’indagato solamente in una circostanza: quando si deve compiere un atto al quale il difensore ha diritto di assistere [1].

I principali atti di indagine a cui il difensore ha diritto di assistere sono: l’interrogatorio, l’ispezione, il confronto, l’accertamento tecnico irripetibile, la perquisizione, il sequestro e il prelievo coattivo di campioni biologici (saliva o capelli, ad esempio).

Ciò significa che l’avviso di garanzia verrà necessariamente consegnato all’indagato solo se la Procura dovrà procedere al compimento di una di queste attività investigative.

Chi consegna l’informazione di garanzia?

L’avviso di garanzia è normalmente consegnato all’indagato dalle forze dell’ordine. Polizia, carabinieri, guardia di finanza: l’informazione di garanzia può essere recapitata all’indagato da qualsiasi appartenente alla polizia giudiziaria.

Alla consegna dell’avviso di garanzia viene fatta sottoscrivere la relata che attesta la corretta ricezione dell’atto (cosiddetta relazione di notificazione).

Spesso, accade che le autorità invitino l’indagato a ritirare l’atto direttamente in caserma o in questura. In tutti gli altri casi, sono le forze dell’ordine a raggiungere l’indagato presso il proprio domicilio.

L’avviso di garanzia può essere affidato per la consegna anche agli ufficiali giudiziari. L’ufficiale giudiziario è un funzionario pubblico (un dipendente della Pubblica Amministrazione e, nello specifico, del ministero della Giustizia) adibito alla notifica degli atti giudiziari di qualsiasi natura: civile, penale, amministrativa, tributaria, ecc.

L’ufficiale giudiziario può notificare gli atti in due modi: recandosi personalmente presso il destinatario oppure avvalendosi dei servizi postali.

Secondo la legge [2], in materia civile, amministrativa e penale, l’ufficiale giudiziario può avvalersi del servizio postale per la notificazione degli atti, salvo che l’autorità giudiziaria disponga o la parte richieda che la notificazione sia eseguita personalmente.

Informazione di garanzia: cosa c’è scritto?

Secondo la legge, l’avviso di garanzia è una comunicazione che deve contenere:

  1. la provvisoria imputazione a carico dell’indagato. Si tratta dell’indicazione degli articoli di legge che si ritengono violati, accompagnata dalla breve descrizione del fatto delittuoso;
  2. l’informazione dell’obbligatorietà di farsi assistere da un difensore;
  3. il nominativo del difensore d’ufficio designato dalla Procura della Repubblica;
  4. l’indicazione della facoltà di nominare un difensore di fiducia, il quale sostituirà quello d’ufficio;
  5. l’indicazione dell’obbligo di retribuire il difensore d’ufficio, a meno che non ricorrano le condizioni per accedere al gratuito patrocinio;
  6. l’indicazione dei requisiti per poter accedere al patrocinio a spese dello Stato;
  7. l’informazione del diritto all’interprete, nel caso in cui non si comprenda l’italiano, e alla traduzione degli atti [3].

note

[1] Art. 369 cod. proc. pen.

[2] Legge n. 890/1982.

[3] Art. 369 cod. proc. pen.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube