Si abbassa il limite per lo scivolo della pensione

16 Dicembre 2020 | Autore:
Si abbassa il limite per lo scivolo della pensione

Un emendamento alla manovra modifica il contratto di espansione, che ora interesserà anche le aziende con più di 250 addetti anziché con più di 500.

Cambia in modo sostanziale il contratto di espansione, ovvero lo strumento con cui verrà gestito il periodo successivo alla fine del divieto di licenziamento e degli ammortizzatori sociali straordinari attualmente in vigore a causa dell’emergenza Covid. Un emendamento alla manovra al vaglio del Parlamento prevede l’utilizzo dello scivolo pensionistico da parte delle imprese con almeno 250 dipendenti e non con più di 500 addetti, come stabilito finora.

Significa allargare non di poco la platea di chi potrà lasciare il lavoro, previo accordo con l’azienda, nel caso abbia davanti a sé non più di 5 anni alla pensione di vecchiaia ed abbia maturato il requisito contributivo, oppure alla pensione anticipata. In questo caso, l’azienda verserà per il periodo interessato dallo scivolo un’indennità mensile adeguata alla pensione maturata dal dipendente alla data di cessazione del rapporto. Dal canto suo, lo Stato sosterrà l’impegno economico del datore di lavoro con una sorta di Naspi della durata massima di 24 mesi.

Nelle imprese con più di 500 lavoratori, oltre alle possibilità sopra citate c’è anche quella di attivare ulteriori 18 settimane di cassa integrazione con riduzione oraria fino al 30%. Mentre le aziende con più di 1.000 dipendenti dovranno assumere un addetto ogni tre uscite: in questo modo, avranno altri 12 mesi di sconto Naspi. In altre parole, così facendo, avranno l’aiuto dello Stato per tre anni anziché per due.

Altra novità della manovra che dovrebbe essere approvata dalle commissioni di Montecitorio riguarda l’aumento dei beneficiari dell’indennità prevista finora per i 300mila autonomi iscritti alla gestione separata dell’Inps: potrebbero averne accesso anche i professionisti iscritti alle casse private, a cominciare dai giovani.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube