Novità in arrivo sugli incentivi auto

16 Dicembre 2020
Novità in arrivo sugli incentivi auto

Trattative in corso tra Governo e organizzazioni di categoria, che sperano di poter contare su 350 milioni di euro nel 2021.

Iniezione di incentivi per curare l’ammalato settore dell’automotive. È stato uno dei mercati più in sofferenza, nell’ambito della crisi economica scaturita dalla pandemia.

Adesso, le organizzazioni di categoria chiedono una mano all’Esecutivo che pare si sia dimostrato sensibile, finora, al tavolo delle trattative per tirare le somme degli aiuti statali da proporre in sede di discussione della legge di bilancio.

Come riporta il Corriere della Sera, la speranza dell’Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri (Unrae) è che gli incentivi per il 2021 ammontino a non meno di 350 milioni di euro. Speranza che sembra piuttosto concreta, data la soddisfazione dei costruttori operanti in Italia su come stanno andando le interlocuzioni con il Governo.

Lo schema sarà identico a quello valido fino al 31 dicembre, con gli incentivi divisi in fasce di auto, a seconda delle emissioni di anidride carbonica. La novità è che per ottenere i contributi all’acquisto bisognerà rottamare la propria vecchia vettura.

Niente incentivi dunque a chi non esegue la rottamazione, perché tra gli obiettivi c’è quello di ammodernare il parco auto, facendo sì che diminuiscano i veicoli vecchi, più inquinanti e meno sicuri circolanti su strada.

Altra news riguarda la detraibilità delle automobili aziendali ecologiche. Ci si augura che si possa arrivare al 100% per le macchine elettriche e all’80% per le ibride plug-in. Equivarrebbe a investire fortemente nella crescita degli acquisti di veicoli green, a zero o bassissime emissioni.

Per il 2021, ci sono già 270 milioni di euro disponibili in forma di eco-bonus per chi vuole comprare un’auto elettrica o ibrida plug-in, oltre ad altri 70 milioni di euro circa, che fanno parte del finanziamento 2020.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube