Cronaca | News

Natale: verso la stretta dal 24 dicembre al 6 gennaio

16 Dicembre 2020 | Autore:
Natale: verso la stretta dal 24 dicembre al 6 gennaio

Il premier Conte opta per una soluzione di compromesso: zona rossa solo nei giorni festivi e prefestivi. Ma c’è chi vorrebbe la chiusura per l’intero periodo.

Il Governo si sta orientando ad imporre una zona rossa in tutta Italia, con le conseguenti chiusure e gli stop agli spostamenti, ma solo nei giorni “critici”, quelli festivi e prefestivi: dunque, per Natale saranno il 24, 25, 26 e 27 dicembre e, poi, per Capodanno il 31 dicembre e il 1, 2 e 3 gennaio. Ed ancora, per l’Epifania, il 5 ed il 6 gennaio.

Una soluzione di compromesso che, a quanto ci riferisce la nostra agenzia stampa Adnkronos, sembra prevalere nella maggioranza ed è spinta soprattutto dal premier Giuseppe Conte, che vorrebbe evitare restrizioni drastiche per l’intero periodo delle festività: è invece questa la “linea dura” sostenuta dal ministro della Salute, Roberto Speranza, con due settimane consecutive di semi-lockdown, dal 24 dicembre (o addirittura dal 21) fino al 6 gennaio, che però alcune autorevoli fonti del Governo interpellate poco fa dall’agenzia definiscono «una follia».

In quei giorni, si dovrà stare a casa oppure uscire, muniti di autocertificazione, solo per i motivi consentiti (lavoro, salute o altre situazioni di necessità). Perciò, non saranno consentiti in nessun caso cenoni e veglioni. E resteranno chiusi bar, ristoranti e tutti i negozi ed esercizi commerciali, tranne quelli di prima necessità, come gli alimentari e le farmacie.

Nei giorni feriali, invece – dunque, fino al 23 dicembre, e poi dal 28 al 30 dicembre ed il 4 gennaio – saranno aperti i negozi e consentiti gli spostamenti per tutte le Regioni che attualmente già rientrano nella zona gialla, mentre quelle arancioni o rosse seguiranno il proprio regime.

«Occorre rinforzare le misure di Natale, serve qualche intervento aggiuntivo per scongiurare la terza ondata, anche gli esperti del Cts ce lo hanno consigliato; vorremmo vivere le festività secondo la tradizione ma questo non è possibile», ha ammesso Giuseppe Conte preannunciando le restrizioni in arrivo.

Le decisioni definitive arriveranno nelle prossime ore: si attende il rientro da Bruxelles della ministra renziana Teresa Bellanova, per sentire anche la posizione di Italia Viva. Ma il confronto serrato tra le diverse ali della maggioranza di Governo è aperto da oggi, con il braccio di ferro tra i ministri di area Pd (Boccia, Franceschini e Speranza) che premono per la zona rossa nazionale senza esclusioni territoriali o intermittenze temporali, dunque dal 24 dicembre al 6 gennaio, ed il premier Conte, spalleggiato dal Movimento 5 Stelle, che opta per la soluzione più morbida.

Intanto, sembra sfumare l’ipotesi di un nuovo Dpcm entro questa sera: finora, nulla è deciso e ancora si discute. Sembra certo, invece, che non ci sarà nessuna stretta nel prossimo weekend del 18 e 19 dicembre: così ci si potrà spostare da zona gialla a zona gialla com’è stato consentito finora, mentre l’arrivo o la partenza da aree arancioni o rosse sarà possibile per i soli residenti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube