HOME Articoli

Lo sai che? Tagliando assicurazione falso: il reato giusto è “falso in scrittura privata”

Lo sai che? Pubblicato il 8 gennaio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 8 gennaio 2014

Se il tagliando assicurativo posto sull’auto è falsificato scatta il falso in scrittura privata, mentre il reato di ricettazione viene contestato solo se il documento contraffatto proviene da furto, rapina o appropriazione indebita.

Falsificare il tagliando dell’assicurazione non configura il reato di ricettazione, ma quello di falso in scrittura privata. Lo ha detto la Cassazione con una sentenza di stamattina [1] con cui ha chiarito in quali termini va inquadrata tale condotta criminosa.

Per individuare quale sia il reato commesso dall’imputato è bene fare una distinzione.

Se il contrassegno assicurativo, posto sul parabrezza dell’auto, è stato semplicemente falsificato (anche se originariamente riferito a una diversa macchina), ma non è di illecita provenienza, allora scatta solo il “falso in scrittura privata”.

Se, invece, il documento, sebbene contraffatto, provenga da altri reati, come nel caso in cui i moduli dei contratti di assicurazione e i relativi contrassegni siano stati oggetto di furto, rapina o appropriazione indebita, allora scatta il reato di ricettazione. E ciò perché, in tale caso, sussiste un reato presupposto (a prescindere dalla successiva o contestuale contraffazione, mediante l’indicazione del nome e delle generalità dell’apparente assicurato).

 

note

 

[1] Cass. sent. n. 299 del 08.01.14.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI