Cronaca | News

Natale: il Veneto chiude per Covid da sabato

17 Dicembre 2020 | Autore:
Natale: il Veneto chiude per Covid da sabato

Il governatore Zaia firmerà l’ordinanza entro sera e la manderà al ministro Speranza: dal 19 dicembre, vietato uscire dal Comune dopo le 14.

Il Governo deciderà per conto suo nelle prossime ore. Ma, intanto, il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha già scelto: da sabato 19 dicembre fino al giorno della Befana, sarà vietato uscire dal proprio Comune dopo le ore 14. Zaia ha annunciato che firmerà l’ordinanza stasera.

«La nostra proposta è che dal 19 dicembre al 6 gennaio si chiudano i confini comunali dalle 14», ha spiegato il governatore. «Firmerò l’ordinanza in serata. Manterremo inalterate tutte le attività commerciali, ma ci sarà una novità: dalle 14 si lavora solo con i cittadini della propria città. Con buon senso distribuiamo il flusso commerciale evitando la commistione di popolazioni epidemiologiche diverse. Si avrebbe l’opportunità di non andare verso restrizioni dolorose. È una soluzione di equilibrio che andrò ad adottare, una zona arancione ridotta. Invierò al ministro Speranza l’ordinanza e proporremo l’intesa».

In altre parole: chi abita a Verona, ad esempio, da questo sabato potrà andare a fare shopping o una passeggiata ovunque. Dalle 14 in poi, però, dovrà rimanere rinchiuso nel suo Comune. Che sia piccolo o grande, non importa: se vuole comprare un regalo di Natale (come e quando potrà consegnarlo, dipende da quello che deciderà il Governo), dovrà farlo in un negozio del suo Comune. E se il negozio non c’è? La risposta arriverà dopo che si conoscerà il contenuto completo dell’ordinanza.

Zaia è consapevole che questa mossa «è un sacrificio per il futuro, sono chiamato per il mio ruolo a prendere decisioni e non lo faccio con gioia, mai avrei pensato di occuparmi di una pandemia». Ma anche, secondo il suo parere, del fatto che «da due mesi il Veneto è in zona gialla grazie al sistema che ha funzionato e non a numeri taroccati».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube