Diritto e Fisco | Articoli

Quando è possibile la compensazione delle spese processuali?

17 Marzo 2021 | Autore:
Quando è possibile la compensazione delle spese processuali?

Principio di soccombenza nel processo civile: cos’è e come funziona? Quando il giudice può compensare le spese di giudizio tra le parti?

Il processo civile è come un duello in cui si affrontano due o più contendenti. Al termine della sfida, il giudice stabilisce il verdetto e condanna il soccombente, non solo costringendolo a soddisfare la richiesta degli avversari, ma anche a pagare le spese legali e giudiziali sostenute da questi ultimi. Detto in maniera meno cavalleresca, nel giudizio civile vale l’elementare regola secondo cui chi perde paga. Questo principio, però, può essere messo in discussione dal giudice.

Quando è possibile la compensazione delle spese processuali? Per compensazione si intende che ciascuna parte paga le spese che sono state necessarie per costituirsi in giudizio (contributo unificato, marche, notifiche, ecc.), compresa ovviamente la parcella del proprio avvocato.

Quando il giudice compensa le spese significa che non segue il criterio della soccombenza, ma la diversa regola secondo cui ciascuno paga il proprio. In pratica, il soccombente non deve pagare le spese processuali né quelle legali alla controparte. Perché? Quando il giudice decide di compensare le spese? Vediamo cosa dicono la legge e la giurisprudenza.

Soccombenza nel giudizio civile: cos’è?

Per poter parlare della compensazione delle spese processuali dobbiamo innanzitutto spiegare cos’è e come funziona la soccombenza nel giudizio civile.

Come anticipato in premessa, secondo il principio di soccombenza, la parte processuale che perde deve corrispondere le spese di giudizio e quelle legali sostenute dalla controparte vittoriosa.

Una parte processuale è soccombente (cioè, perde il giudizio) quando la sua domanda viene rigettata dal giudice oppure quando viene accolta quella della controparte.

Soccombenza: come funziona?

Secondo la legge [1], il giudice, con la sentenza che chiude il processo davanti a lui, condanna la parte soccombente al rimborso delle spese a favore dell’altra parte e ne liquida l’ammontare insieme agli onorari di difesa.

Il discorso è molto semplice: nel decidere il giudizio, il magistrato accolla alla parte che perde anche le spese sostenute dalla parte vittoriosa.

Le spese in questione sono:

  • quelle processuali (o di giudizio), legate ai costi della giustizia (contributo unificato, marche da bollo, notifiche, consulenti tecnici, ecc.);
  • quelle legali, corrispondenti all’onorario dell’avvocato, così come liquidato dal giudice.

Se il giudice, però, accoglie la domanda in misura non superiore all’eventuale proposta conciliativa, condanna la parte che ha rifiutato senza giustificato motivo la proposta al pagamento delle spese del processo maturate dopo la formulazione della proposta stessa, salva l’eventuale necessità di procedere a compensazione.

In pratica, la legge consente al giudice di imputare le spese processuali alla parte vittoriosa, se questa alla fine l’ha spuntata con un risultato non superiore a quello che avrebbe ottenuto se avesse accettato la proposta conciliativa del giudice. Facciamo un esempio.

Tizio cita in giudizio Caio per una somma pari a 10mila euro. Il giudice, durante la prima udienza, propone una conciliazione a 5mila euro. Tizio non accetta e decide di andare avanti. Al termine del processo, il giudice riconosce a Tizio una somma non superiore a 5mila euro, condannandolo a pagare alla controparte soccombente le spese di giudizio maturate successivamente alla proposta conciliativa disattesa.

Insomma, la legge consente di far pagare le spese processuali alla parte vittoriosa che ha inutilmente proseguito il giudizio, se non ha ottenuto più di quanto gli era stato proposto in sede conciliativa. Chi non si accontenta, paga.

Compensazione delle spese: come funziona?

Secondo la legge [2], il giudice può compensare le spese processuali (parzialmente o per intero) in tre ipotesi:

  • se vi è soccombenza reciproca;
  • nel caso di assoluta novità della questione trattata;
  • in caso di mutamento della giurisprudenza rispetto alle questioni dirimenti.

Nel primo caso, il giudice può stabilire che ciascuna parte paghi le rispettive spese legali e processuali se entrambe hanno perso il giudizio.

Tizio cita in giudizio Caio chiedendo il risarcimento del danno. Caio si costituisce e spiega domanda riconvenzionale chiedendo a propria volta il risarcimento a Tizio. Il giudice decide che entrambe le richieste sono infondate.

Nella seconda ipotesi, il giudice può compensare le spese processuali perché la parte soccombente ha perso la causa in ragione di una circostanza assolutamente nuova e, fino a quel momento, estranea alla giurisprudenza. Si tratta di ipotesi rare, per lo più collegate a eventi eccezionali oppure a leggi appena entrate in vigore.

Tizio chiede lo sfratto per morosità di Caio. Questi si difende sostenendo che, a causa della pandemia da Covid-19, la sua attività è stata costretta a chiudere e, pertanto, non ha potuto godere della locazione dell’immobile adibito ad attività commerciale né ha i soldi per poter pagare. Il giudice dà ragione a Caio ma compensa le spese perché la pandemia è evento assolutamente nuovo.

Infine, il giudice può compensare le spese processuali, stabilendo che ciascuno paga i costi di giustizia e la parcella dell’avvocato, se c’è stata una modifica dell’orientamento giurisprudenziale in merito alla questione giuridica di cui si dibatte.

In altre parole, il giudice si esprime per la compensazione delle spese quando la parte soccombente abbia confidato nella consolidata precedente interpretazione giurisprudenziale che, però, è stata sconfessata in tempi più recenti.

Tizio vuole sfrattare il suo inquilino Caio perché moroso. Caio si difende appellandosi a una recentissima sentenza resa dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione secondo cui, se l’inquilino è moroso per cause a lui non imputabili, non può essere mandato via.

Deroghe alla soccombenza: altri casi

Oltre che nell’ipotesi di compensazione e di rifiuto della proposta conciliativa ragionevole, il giudice può derogare al principio di soccombenza in altre due circostanze:

  • può escludere il rimborso delle spese sostenute dalla parte vincitrice se le ritiene eccessive o superflue. Sono eccessive, ad esempio, le spese derivanti dalla nomina di più difensori o consulenti tecnici di parte anche se la complessità della causa non era tale da richiederla. Sono invece superflue quelle spese totalmente inopportune ed inutili che avrebbero potuto essere evitate senza pregiudicare l’esito della lite (come ad esempio l’uso della carta bollata per un atto per il quale non era richiesta ai fini del raggiungimento dello scopo prefissato);
  • può condannare la parte vittoriosa al rimborso delle spese che, per trasgressione al dovere di lealtà e probità, ha causato all’altra. È il caso, ad esempio, della parte che costringa il giudice alla nomina di un Ctu nonostante non ve ne sia affatto bisogno; in una circostanza del genere, alla parte vittoriosa può essere addossato l’onorario del consulente stesso, se la sua nomina è appunto dipesa dalla condotta scorretta tenuta in giudizio.

Il giudice può compensare le spese processuali (parzialmente o per intero) in tre ipotesi:

  • se vi è soccombenza reciproca;
  • nel caso di assoluta novità della questione trattata;
  • in caso di mutamento della giurisprudenza rispetto alle questioni dirimenti.

note

[1] Art. 91 cod. proc. civ.

[2] Art. 92 cod. proc. civ.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube