Cronaca | News

Covid: Natale blindato con poche deroghe

18 Dicembre 2020 | Autore:
Covid: Natale blindato con poche deroghe

Oggi, il decreto con le regole di comportamento per le feste. Possibile ospitare due congiunti stretti a tavola. Via al grande esodo prima della chiusura.

Manca una settimana esatta al giorno di Natale. Due a quello di Capodanno. Tre giorni al divieto di spostamento tra le Regioni. Poche ore all’inizio del grande esodo natalizio. E ancora non è stata presa una decisione definitiva su che cosa si potrà e non si potrà fare esattamente in queste feste che, a causa di chi non c’è più per il Covid e chi non ci potrà essere per lo stesso motivo, segneranno un «prima» e un «dopo» nella vita di tutti.

La decisione del Governo è attesa entro sera, cioè praticamente all’ultimo momento. Ciò che, finora, appare chiaro è che si dovranno trascorrere Natale e Capodanno in zona rossa: tutti blindati in casa, purché conviventi. Con una sola deroga: per non lasciare nessuno da solo, dovrebbe essere possibile ospitare due congiunti stretti non conviventi. Si pensa, ovviamente, ai genitori anziani, ma ciascuno sceglierà chi vuole e chi può far sedere a tavola il 25 dicembre ed il 1° gennaio. Se la regola sarà confermata e valida per tutti, infatti, un fratello potrà ospitare i genitori ed un altro fratello i cognati, e così via in un intreccio di parentele e affinità che fa venire molta nostalgia. Siamo sempre alle raccomandazioni, però, non al divieto perentorio con tanto di polizia a controllare casa per casa, come facevano i soldati di Erode circa 2020 anni fa. Il Governo farà appello, ancora una volta, al buon senso.

Per il resto, si attende quello che è già stato anticipato: Italia chiusa per Covid nei giorni festivi e prefestivi tra il 24 dicembre ed il 3 gennaio, lasciando la Befana libera di farsi i suoi giri il 6 gennaio. Significa, dunque, bar, ristoranti e negozi chiusi il 24, 25, 26 e 27 dicembre, il 31 dicembre, il primo giorno dell’anno ed il 2 gennaio (sabato) e il 3 (domenica). La zona gialla, dove esiste ora, resterà tale il 27, il 28 ed il 29 dicembre alle stesse attuali condizioni, quindi con chiusura di bar e ristoranti alle 18 e coprifuoco alle 22. Ma con i negozi aperti e gli acquisti concentrati in 3 giorni su 11. Quanto al divieto di uscire dal Comune il 25 e 26 dicembre e il 1° gennaio, si pensa a una deroga per gli spostamenti tra paesi limitrofi fino a 10mila abitanti. Ma anche qui si attendono dettagli.

Il decreto (da vedere se sarà un decreto legge o un altro Dpcm da aggiungere alla collezione) arriverà mentre milioni di italiani saranno già in viaggio o si prepareranno per farlo nelle ore successive verso i luoghi in cui passeranno almeno il Natale. Alla cieca, perché non sanno ancora come dovranno comportarsi. Sanno, soltanto, che è meglio muoversi finché è consentito, cioè almeno prima di lunedì, quando scatterà il divieto di uscire dalla propria Regione. Alla peggio, se dovessero tornare a casa prima di Capodanno quando l’Italia sarà in piena zona rossa, avranno validi motivi di lavoro o di ritorno nel luogo di residenza o domicilio. Ad ogni modo, ci saranno controlli a tappeto, anche nelle aree di servizio o ai caselli autostradali. Per ora, si dovrà verificare se qualcuno va e viene dalle zone rimaste arancioni. Per il resto, che vengano rispettati gli orari del coprifuoco e le regole del Codice della strada.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube