Libia: il lungo sequestro dei pescatori, ‘rinchiusi in celle buie, umiliati e vessati’/Adnkronos

18 Dicembre 2020
Libia: il lungo sequestro dei pescatori, ‘rinchiusi in celle buie, umiliati e vessati’/Adnkronos

Mazara del Vallo (Trapani), 18 dic. (Adnkronos) – (dall’inviata Elvira Terranova) – Rinchiusi per settimane in celle piccole, umide, buie. Con cibo “scadente e immangiabile” consegnato “al buio per non vedere cosa ci fosse nel piatto”. Settimane di “umiliazioni, vessazioni, violenze psicologiche”, per fortuna non fisiche. “Siamo stati trattati come se fossimo terroristi, abbiamo avuto paura di non farcela”. La voce di Pietro Marrone, il Comandante del peschereccio ‘Medinea’ arriva forte via radio. Si trova in alto mare, sulla via del ritorno per Mazara del Vallo. E racconta, per la prima volta, i 108 giorni di sequestro e carcerazione in Libia. A parlare con lui è l’armatore, Marco Marrone, che in questi tre mesi non ha mai perso la speranza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube