Cronaca | News

Covid, nuova variante in Europa: voli sospesi

20 Dicembre 2020 | Autore:
Covid, nuova variante in Europa: voli sospesi

Il ministro inglese della Salute: ceppo fuori controllo. Aerei da e per la Gran Bretagna bloccati a terra. Ma Fiumicino attende la comunicazione ufficiale.

La pandemia di Covid si complica in Europa, proprio mentre sta per partire la campagna di vaccinazione. La nuova variante del virus rilevata nelle scorse ore in Gran Bretagna è stata riscontrata ora anche in Danimarca e in Olanda. Lo stesso tipo di virus è presente anche in Australia. La conferma arriva dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), con le dichiarazioni all’emittente britannica Bbc dell’esperta dell’Oms Maria van Kerkhove, secondo cui questa variante sarebbe partita da Londra o dal Sud Est dell’Inghilterra. Si tratta, secondo la scienziata, di un processo naturale: «Più si diffonde il Covid e più possibilità ha di mutare».

Un nuovo incubo, dunque, minaccia il Vecchio continente se, come sostiene il ministro inglese della Salute, Matt Hancock, questo ceppo è «fuori controllo». Tant’è che alcuni governi, compreso il nostro, hanno deciso di muoversi immediatamente per evitare mali maggiori. Italia, Olanda e Belgio hanno sospeso i voli da e per il Regno Unito. Anche Germania e Francia valutano di prendere lo stesso provvedimento sul traffico aereo e ferroviario.

Il nostro ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, l’ha comunicato formalmente alle autorità britanniche: «Come Governo – ha scritto Di Maio su Facebook – abbiamo il dovere di proteggere gli italiani, per questa ragione, con il ministero della Salute stiamo per firmare il provvedimento per sospendere i voli con la Gran Bretagna». C’è solo un problema: il capo della Farnesina ne ha parlato sulla sua pagina social, ma non lo avrebbe ancora detto all’aeroporto di Fiumicino dove, al momento, non risulta alcuna comunicazione ufficiale, come svelato all’agenzia Adnkronos dalla società che gestisce lo scalo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube