Diritto e Fisco | Articoli

Quali sono le conseguenze penali per l’inquinamento provocato da nave

12 gennaio 2014


Quali sono le conseguenze penali per l’inquinamento provocato da nave

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 gennaio 2014



Lo scarico di sostanze inquinanti in mare o in acque interne costituisce reato punibile con l’arresto e la sanzione pecuniaria dell’ammenda, e con pene accessorie.

 

A tutela dell’ambiente marino e della sicurezza marittima la legge [1] disciplina l’inquinamento provocato da navi e stabilisce le conseguenti sanzioni.

La legge prescrive alle navi di qualsiasi nazionalità il divieto di scaricare, in mare o in acque interne, gli idrocarburi e sostanze liquide nocive trasportate alla rinfusa [2].

Lo scarico di dette sostanze costituisce reato rubricato come “inquinamento doloso” o “inquinamento colposo”.

Nel primo caso, salvo che il fatto costituisca più grave reato, il Comandante di nave di qualsiasi nazionalità, nonché i membri dell’equipaggio, il proprietario e l’armatore, nel caso in cui la violazione sia avvenuta con il loro concorso, sono puniti con l’arresto da sei mesi a sue anni e con l’ammenda da euro 10.000 a euro 50.000.

Nel caso di inquinamento colposo, invece, è prevista l’ammenda da euro 10.000 ad euro 30.000.

Sia che si tratti di inquinamento doloso o di inquinamento colposo, le sanzioni sono aggravate se il fatto arreca danni permanenti o comunque di particolare gravità alle acque, a specie animali o vegetali o parte di esse.

Nei casi condanna per inquinamento doloso è applicata la sanzione accessoria della sospensione del titolo professionale di Comandante per la durata non inferiore ad un anno.

Inoltre al Comandante e ai membri dell’equipaggio condannati per inquinamento doloso o colposo è inibito l’attracco nei porti italiani per un periodo non inferiore ad un anno commisurato alla gravità del reato, da determinarsi con decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

di EDOARDO DI MAURO

note

[1] D.Lgs. 202/2007 che attua la  Direttiva 2005/35/CE.

[2] Ossia le sostanze inquinanti di cui agli allegati della Convenzione di Marpol 73/78.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI