Chi viene assolto ha diritto alle spese legali

22 Dicembre 2020 | Autore:
Chi viene assolto ha diritto alle spese legali

Lo Stato dovrà riconoscere un rimborso a chi riesce a dimostrare la propria innocenza in un processo penale. Con alcune eccezioni.

Anche il processo penale ha il suo spazio nella manovra 2021. È stato approvato all’unanimità un emendamento che introduce per la prima volta un nuovo principio in virtù del quale lo Stato è tenuto a pagare le spese legali all’imputato nel caso in cui quest’ultimo vinca in giudizio.

L’emendamento approvato alla Camera è stato presentato dal deputato di Azione Enrico Costa e si pone come obiettivo tutelare dal punto di vista economico il cittadino che riesce a dimostrare la propria innocenza. In questo modo, lo Stato dovrà rimborsare le spese legali sostenute entro un massimo di 10.500 euro all’imputato assolto per non aver commesso il fatto o perché i fatti contestati non costituiscono reato. La sentenza, però, deve essere irrevocabile. I soldi non faranno reddito e verranno erogati in tre rate annuali di pari importo, a cominciare dall’anno successivo a quello in cui è stata emessa la sentenza.

La norma entrerà in vigore dopo l’approvazione della legge di Bilancio. Significa che interesserà le assoluzioni successive a tale data. Il rimborso verrà riconosciuto dietro la presentazione della fattura dell’avvocato, con espressa indicazione della causale e dell’avvenuto pagamento. Il documento fiscale deve essere accompagnato da un parere di congruità espresso dal Consiglio dell’Ordine e da una copia della sentenza con la certificazione di irrevocabilità della cancelleria.

Non ha diritto, però, al rimborso delle spese legali l’imputato che viene assolto per alcuni capi di imputazione ma condannato per altri, così come la norma non si applica per l’estinzione del reato per amnistia o prescrizione e per la depenalizzazione dei fatti che hanno portato l’imputato in aula.

Le modalità di rimborso e gli importi verranno precisati con un successivo decreto del ministero della Giustizia.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube