Pensione degli avvocati: modifiche in arrivo

23 Dicembre 2020 | Autore:
Pensione degli avvocati: modifiche in arrivo

La Cassa Forense valuta se rafforzare l’attuale sistema retributivo o passare a quello contributivo. Il problema di chi ha un reddito molto basso.

Difendere il sistema retributivo o cambiare completamente registro ed introdurre il sistema contributivo pro rata: questo il dilemma della Cassa Forense, che vuole blindare il futuro previdenziale degli avvocati, specialmente dopo che la pandemia di Covid ha prodotto i suoi effetti negativi nella categoria. Non a caso, infatti, sono state 140mila le domande presentate dai legali per avere il bonus da 600 euro erogato dal Governo durante l’emergenza per aiutare, tra gli altri, i professionisti in difficoltà.

Non solo: i dati forniti dall’Associazione nazionale forense al quotidiano Il Sole 24 Ore dimostrano che il mestiere dell’avvocato non è per tutti così redditizio come di solito si pensa: nel 2019, ad esempio, 93mila avvocati iscritti hanno guadagnato meno di 10mila euro l’anno, mentre più della metà della categoria, quei famosi 140mila avvocati citati prima, guadagnano meno di 20mila euro l’anno. Appena il 16% si colloca sopra la soglia dei 50mila euro annui. Dati che rendono necessario un intervento da un punto di vista previdenziale, al quale si arriverà, molto probabilmente, la prossima primavera.

L’attuale sistema pensionistico degli avvocati viene ritenuto un sistema «retributivo sostenibile», in quanto si calcola sui redditi di tutta la vita lavorativa. Le opzioni al vaglio della Cassa Forense, come detto, sono due: intervenire sia sui contributi sia sulle prestazioni per conservare ma rendere più stabile l’attuale sistema retributivo, oppure passare al sistema contributivo pro rata. C’è anche la possibilità che gli avvocati sotto la soglia di 10mila euro di reddito annuo vengano dirottati di nuovo verso la gestione separata, mentre bisognerà decidere cosa fare con chi non dichiara alcun guadagno.

Non verrà trascurata, infine, l’analisi delle attività degli avvocati. A quanto risulta, infatti, circa 40mila professionisti svolgono fino a tre o quattro mestieri diversi, il che potrebbe portare a differenziare gli albi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube