Pensioni: cosa cambia nel 2021

23 Dicembre 2020
Pensioni: cosa cambia nel 2021

Nessun rialzo significativo degli importi.

Chi si aspettava di veder crescere la sua pensione nel 2021 resterà deluso: non accadrà. Parola dell’Istituto nazionale di previdenza sociale (Inps), che ha diramato una circolare – la numero 148 – per farlo presente.

A mettere un freno al miglioramento dei trattamenti pensionistici, il tasso di inflazione relativo ai primi nove mesi del 2020: tasso negativo perché scende sotto lo zero (-0,3%).

Un indice decisivo, perché ormai dal 1992 gli importi degli assegni dei pensionati dipendono praticamente solo dall’inflazione e non più anche dagli aumenti contrattuali dei lavoratori attivi.

Generalmente, è con decreto del ministro dell’Economia che si individua il tasso di adeguamento delle pensioni rispetto all’anno precedente. Lo stesso provvedimento contiene poi anche la previsione del tasso di inflazione da applicare ai trattamenti dell’anno successivo.

Per quanto riguarda le pensioni 2020, la rivalutazione era stata dello 0,5%. Da gennaio 2021, è scritto sempre sul decreto del Mef, si prevede di applicare un tasso dello 0,0%. L’andamento è negativo, come specificato poco fa, ma il decreto Poletti, dal nome dell’ex ministro del Lavoro, non contempla che possa essere inferiore a zero.

Tutto questo si tradurrà, nella pratica, in una crescita praticamente trascurabile degli importi degli assegni, pari a uno, massimo due euro lordi al mese.

Inoltre, per recuperare la minor rivalutazione concessa nel corso del 2020, verrà fatto un conguaglio una tantum a gennaio, tra i 10 e i 26 euro. Il massimo che i pensionati potranno aspettarsi, in termini economici, dal nuovo anno.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube