Lotteria degli scontrini: la partenza slitta ancora

24 Dicembre 2020 | Autore:
Lotteria degli scontrini: la partenza slitta ancora

Non sarebbe ancora pronto tutto il meccanismo che consente la trasmissione dei ticket: occorrerà attendere un altro mese.

Si tratta di poche settimane, ma la notizia è che la lotteria degli scontrini, che doveva partire il 1° gennaio, è slittata di nuovo. Lo ha deciso ieri il Consiglio dei ministri nella seduta in cui ha esaminato il decreto Milleproroghe. Una di queste mille, verrebbe da dire, riguarda la lotteria degli scontrini.

Non si partirà, dunque, il 1° gennaio ma il 1° febbraio. Si tratta, quindi, di un rinvio di un mese che, a dire la verità, era già nell’aria. Confcommercio aveva fatto notare in una nota poco fa che «a meno di 10 giorni dall’avvio della Lotteria degli scontrini, su 1,4 milioni di registratori telematici installati, solo 700 mila sono stati tecnicamente aggiornati per consentire la partecipazione dei consumatori alla nuova lotteria». Da qui, la richiesta della stessa Confederazione di un rinvio, «indispensabile secondo tempi tecnici che consentano l’adeguamento dell’intero parco macchine, poiché consentirebbe così una partenza uniforme su tutto il territorio nazionale, evitando disservizi e con il beneficio di rispettare le esigenze delle imprese e il buon esito della lotteria».

Va ricordato che l’esercente deve trasmettere entro la fine della giornata di emissione o, in caso di problemi tecnici, entro 12 giorni dall’emissione, i dati relativi agli scontrini degli acquisti effettuati per consentire la partecipazione alla lotteria. Solo dopo l’invio degli scontrini, è possibile partecipare alle estrazioni: la data di riferimento è quella dell’arrivo dello scontrino nella banca dati della lotteria e non quella in cui è stato effettuato l’acquisto. Un meccanismo, a quanto pare, non ancora pronto (leggi anche Lotteria degli scontrini: come vincere).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube