Furto cassetta di sicurezza: così si dimostra il contenuto

24 Dicembre 2020 | Autore:
Furto cassetta di sicurezza: così si dimostra il contenuto

La Cassazione si pronuncia sullo strumento suppletorio per dimostrare il contenuto della cassetta in caso di furto in vista del risarcimento.

Chi subisce il furto della cassetta di sicurezza, come fa a dimostrare quello che c’era dentro? La Cassazione risponde a questa domanda con una recente sentenza [1]: visto che meno persone conoscono il contenuto della cassetta e meglio è, si può ricorrere al cosiddetto «giuramento suppletorio» previsto dal Codice civile [2].

Occorre premettere che quando si apre una cassetta di sicurezza è obbligatorio assicurare al cliente il segreto sul contenuto, a tal punto che nemmeno la banca deve sapere cosa c’è al suo interno perché spesso chi utilizza questo servizio lo fa per evitare che si conosca il possesso di certi valori. Significa che, in caso di furto, appare piuttosto difficile provare con una testimonianza che cos’è stato rubato.

Ecco che, a questo punto, la Cassazione riconosce la possibilità del giuramento suppletorio come strumento per avere diritto al risarcimento del danno subìto. Secondo il Codice civile, si tratta del giuramento deferito d’ufficio dal giudice a una delle parti per decidere una causa quando la domanda o le eccezioni non sono del tutto provate, ma nemmeno completamente sfornite di prova, ovvero quello deferito al fine di stabilire il valore della cosa domandata (in questo caso del risarcimento del danno) se non è possibile accertarlo diversamente.

La Cassazione ricorda che la decisione di accettare il giuramento viene rimessa all’apprezzamento del giudice di merito. Vuol dire che la sussistenza non è sindacabile in sede di legittimità se non sotto il profilo dell’adeguatezza della motivazione. In più, il fatto che il giudice di primo grado decida di non deferire il giuramento non impedisce che possa farlo la Corte d’appello in base ad una valutazione diversa.


note

[1] Cass. sent. n. 24647/2020 del 05.12.2020.

[2] Art. 2736 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube