Cronaca | News

Covid: chi non fa il vaccino rischia il licenziamento

24 Dicembre 2020
Covid: chi non fa il vaccino rischia il licenziamento

L’ex pm Raffaele Guariniello spiega che il Testo unico della sicurezza sul lavoro può prevedere la rescissione del rapporto di lavoro in casi di questo tipo.

Chi non si vaccina può essere licenziato. A lanciare la bomba il magistrato Raffaele Guariniello, in un’intervista al Fatto Quotidiano. Secondo il giurista, aderire alla campagna di somministrazioni del siero anti-Covid è solo fino a un certo punto una scelta personale o un imperativo «morale».

«È ciò che prevede la legge», ha spiegato Guariniello al Fatto. Se, infatti, è vero che l’articolo 32 della Costituzione afferma che «nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario, se non per disposizione di legge», Guariniello sostiene che la disposizione di legge, in tal caso, ci sia: è il Testo unico della sicurezza sul lavoro.

Questa normativa, sostiene l’ex pm dalle colonne del Fatto, «impone al datore di lavoro di mettere a disposizione vaccini efficaci per quei lavoratori che non sono già immuni all’agente biologico, da somministrare a cura del medico competente». «La stessa norma – prosegue Guariniello – impone al datore di lavoro l’allontanamento temporaneo del lavoratore in caso di inidoneità alla mansione, su indicazione del medico competente».

Ecco perché si può rischiare il licenziamento, a detta del magistrato. Non è certezza, tutt’altro: è solo una possibilità da applicare ai casi più estremi, probabilmente, perché, come lo stesso Guariniello sottolinea, scatta «l’obbligo di allontanare il lavoratore e di adibirlo ad altra mansione solo “ove possibile”». Il tema però è che il capo deve, per legge, tutelare la salute dei suoi dipendenti e questo, specifica il giurista, «significa vaccinare il maggior numero possibile di persone».

«Il datore di lavoro è obbligato a predisporre misure organizzative per tutelare il lavoro, ma se questo non è possibile si rischia la rescissione del rapporto di lavoro», conclude l’ex pm.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Ne stanno inventando di tutti i colori per farci accettare questo vaccino di merda. Non hanno capito che se continuano così ci sarà una rivoluzione popolare: la gente è stanca. E’ stanca del covid, di come è stata gestita l’emergenza, di tutto il casino fatto, di dover chiudere le attività e vivere di assistenzialismo (se e quando arriva). Certate di non rompere troppo i coglioni perché avete già tirato troppo l’elastico: state attenti che non vi schianti tutto in faccia e non si arrivi alla guerra civile.

    1. Esatto, infatti stanno cercando in tutti i modi di farsi impalare, ma se continuano così ci riusciranno, sono anni che accumulo rabbia verso questa gente asservita alle lobby, credo che sia giunta l’ora di fare come il conte Vlad, che impalava!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube