Diritto e Fisco | Articoli

Casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi

28 Dicembre 2020
Casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi

I contribuenti devono dichiarare i propri redditi percepiti durante il periodo di imposta al Fisco compilando un’apposita dichiarazione.

Sei un lavoratore saltuario e hai dei redditi annuali molto bassi. Vuoi sapere se devi in ogni caso presentare la dichiarazione dei redditi all’Agenzia delle Entrate.

Tutti i contribuenti italiani sono tenuti a presentare annualmente una dichiarazione al fisco con la quale riepilogano tutti i redditi percepiti durante il periodo d’imposta. La dichiarazione dei redditi consente al contribuente di calcolare le imposte dovute allo Stato e procedere al relativo pagamento. Inoltre, la dichiarazione dei redditi ha anche la finalità di consentire al contribuente di recuperare dal fisco le somme che possono essere portate a deduzione o che sono detraibili. Tuttavia, non tutti devono effettuare la dichiarazione dei redditi.

In questo articolo vedremo quali sono i casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi. Sulla base del principio generale per cui l’ignoranza della legge non scusa, è comunque onere del contribuente verificare se rientra o meno in uno dei casi di esonero, anche considerando che l’omessa dichiarazione dei redditi espone a delle sanzioni.

Dichiarazione dei redditi: cos’è?

La dichiarazione dei redditi è un documento fiscale che deve essere compilato annualmente da tutti i contribuenti italiani al fine di far conoscere al fisco tutti i redditi percepiti durante il periodo di imposta che possono essere di diversa provenienza (redditi da lavoro, da locazioni immobiliare, da proprietà immobiliare, da investimenti, etc.).

La tipologia di dichiarazione di redditi da presentare, nonché le relative scadenze, devono essere verificate con riferimento alla tipologia di contribuente. I lavoratori subordinati, infatti, devono presentare una determinata tipologia di dichiarazione dei redditi (modello 730), mentre i lavoratori autonomi e i liberi professionisti devono utilizzare un’altra tipologia di dichiarazione (modello unico).

La presentazione della dichiarazione dei redditi consente al contribuente di calcolare l’imposta sul reddito dovuta per il periodo di imposta e di recuperare le somme detraibili o deducibili.

Dichiarazione dei redditi: i casi di esonero

La legge prevede che determinate tipologie di di contribuenti siano esonerate dall’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi.

Innanzitutto, ci sono una serie di redditi per i quali non occorre presentare la dichiarazione dei redditi se ricorrono due condizioni:

  1. i redditi sono stati corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato ad effettuare le ritenute d’acconto o sono stati erogati da più sostituti d’imposta ma certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio;
  2. le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale è comunale.

Al ricorrere di queste due condizioni le seguenti tipologie di reddito non obbligano alla presentazione della dichiarazione:

  • abitazione principale, relative pertinenze e altri fabbricati non locati;
  • lavoro dipendente o pensione;
  • lavoro dipendente o pensione più abitazione principale e relative pertinenze e altri fabbricati non locati;
  • rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, compreso il lavoro a progetto;
  • redditi esenti;
  • redditi soggetti ad imposta sostitutiva (come, ad esempio, gli interessi sui Bot o sugli altri titoli del debito pubblico);
  • redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta (come, ad esempio, gli  interessi sui conti correnti postali e bancari oppure i redditi derivanti dai lavori socialmente utili).

Dichiarazione dei redditi: i casi di esoneri con limiti di reddito

In alcuni casi, il lavoratore è esonerato dal presentare la dichiarazione dei redditi se ha percepito unicamente redditi di una determinata natura ed entro determinati limiti massimi, come evidenzia l’elenco che segue:

  • terreni e/o fabbricati, compresi abitazione principale e sue pertinenze: limite di reddito uguale o inferiore a 500;
  • lavoro dipendente o assimilato più altre tipologie di reddito: limite di reddito uguale o inferiore a 8.000;
  • pensione più altre tipologie di reddito: limite di reddito uguale o inferiore a 8.000;
  • pensione più terreni più abitazione principale e sue pertinenze: limite di reddito uguale o inferiore a 7.500 per la pensione e uguale o inferiore a 185,92 per i terreni;
  • pensione più altre tipologie di reddito: limite di reddito uguale o inferiore a 8.000;
  • assegno periodico corrisposto dal coniuge più altre tipologie di reddito: limite di reddito inferiore o uguale a 8.000;
  • redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per cui la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro: limite di reddito pari o inferiore a 4.800;
  • compensi da attività sportive dilettantistiche: limite di reddito uguale o inferiore a 30.658,28.

Infine, si segnala che esiste una condizione generale di esonero dall’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi per il contribuente, che non è obbligato a tenere le scritture contabili, che possiede redditi per cui è dovuta un’imposta non superiore ad euro 10,33.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube